Logo FP CGIL

www.fpcgil.it

NEWS

Stipendi Ssn. Le Regioni "interpretano" i nuovi trattamenti economici

 
23 FEB - (www.quotidianosanita.it) Il decreto 78, poi convertito a luglio nella legge 122/2010, ha come obiettivo esplicito il "contenimento delle spese di personale delle amministrazioni pubbliche". Riguarda dunque tutti i dipendenti regionali che sono, in misura prevalente, in sanitÓ.
Per ovviare alle molte possibili variazioni nell'applicazione di quella norma, le Regioni hanno ritenuto opportuno approvare un documento interpretativo della legge, e in particolare di quanto disposto all'articolo 9, che per il triennio 2011-2013 "congela" gli stipendi pubblici a quanto percepito nel 2010. Una prima stesura del documento di parte regionale era stata approvata il 18 novembre scorso, mentre la nuova stesura, che pubblichiamo con le variazioni messe in evidenza in colore rosso, Ŕ stata approvata dalla Conferenza dei presidenti del 10 febbraio.
In particolare, le Regioni indicano quali siano le variazioni retributive che non possono essere comprese nel tetto posto al trattamento economico complessivo, comprendendo tra queste il passaggio alla dirigenza dei medici dopo i primi 5 anni di servizio e l'indennitÓ di esclusivitÓ, in caso di variazione del rapporto da non esclusivo a esclusivo.
 

 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito