Logo FP CGIL

www.fpcgil.it

Articolo 33 comma 5 - Legge 104/92

Diramazione generale

 
L'Ispettorato Generale ha diramato la nota n. 6958 del 14/03/2011 (in allegato) con cui si recepiscono le recenti modifiche normative alla L. 104/92 (legge quadro par l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate), in particolare nella parte riguardante l'art. 33 comma 5, che così recita: "Il lavoratore di cui al comma 3 ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso".

Si segnala che la L. 183/2010 ha modificato anche il comma 3 della L. 104/92, che è stato così sostituito: "A condizione che la persona handicappata non sia ricoverata a tempo pieno, il lavoratore dipendente, pubblico o privato, che assiste persona con handicap in situazione di gravità, coniuge, parente o affine entro il secondo grado, ovvero entro il terzo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i sessantacinque anni di età oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti, ha diritto a fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperto da contribuzione figurativa, anche in maniera continuativa. Il predetto diritto non può essere riconosciuto a più di un lavoratore dipendente per l'assistenza alla stessa persona con handicap in situazione di gravità. Per l'assistenza allo stesso figlio con handicap in situazione di gravità, il diritto è riconosciuto ad entrambi i genitori, anche adottivi, che possono fruirne alternativamente".


 
Legge 104/92 - Diramazione generale del 14.03.2011 (154.01 KB).
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito