1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 
RIORGANIZZAZIONE INTERNA IN PROSSIMITÀ DELL'ACCORPAMENTO

 COMUNICATO
 
 

Da giorni si susseguono notizie sull'ennesima riorganizzazione interna di questo Istituto.
In data  odierna è stata addirittura inviata una lettera alla Dirigenza generale dell'Istituto per colloqui individuali da tenersi con il Direttore Generale perché ognuno esprima le proprie singole esigenze.
Come di prassi, l'intenzione è di procedere ad una riorganizzazione che coinvolge il territorio, gli Uffici e i lavoratori,  pensata solo ed esclusivamente dai vertici dell'istituto per finalità che nulla hanno a che vedere con il miglioramento della qualità del servizio che l'inpdap eroga, ne' con la qualità del lavoro a cui l'organizzazione dovrebbe sempre essere strettamente connessa.
Un uomo solo dal cui" endocranio" deve sgorgare - a suo stesso dire- una proposta al Presidente e un Presidente che tenta di avversare la proposta perché siano meglio garantite le esigenze solo di qualcuno, non è uno spettacolo edificante e non ha niente delle strategie e delle prospettive che devono essere messe in atto nell'interesse comune: per l'istituto, per la dirigenza, per le lavoratrici e i lavoratori tutti.
Oggi che lo scenario politico non permette errori e ripensamenti e che la riorganizzazione interna si innesta su una riorganizzazione più ampia che coinvolge tutto il mondo della previdenza italiana, i vertici dell'istituto non possono esimersi dal considerare indispensabile una condivisione di tutti i lavoratori  sul progetto da realizzare.
Atti organizzativi unilaterali che non rispettano una logica di gruppo,  non incontrerebbero in questo momento il favore di nessuno:
-Non dei Ministeri che stanno lavorando alle nuove prospettive di riorganizzazione generale;
-Non dei lavoratori, che oltre ad essere preoccupati per il futuro del loro lavoro hanno a cuore il destino dell'istituto e sono convinti che l'autorevolezza dell'inpdap passa attraverso la coesione e la forza che come gruppo è' capace di esprimere anche ai tavoli dove si stanno prefigurando i nuovi scenari previdenziali.
La CGIL, nella convinzione che l'interesse generale non possa essere realizzato attraverso una miope gestione di "particolarismi" e alimentando egoismi dirigenziali,  
                                                   
                    RIVENDICA
un confronto generale e concreto sull'organizzazione interna e sulle ricadute in termini di lavoro, servizio e qualità

                     E CHIEDE

l'apertura di un tavolo paritetico con la partecipazione di tutte le OO.SS. , allargato anche al CIV, per l'elaborazione di un progetto INPDAP di cui tutti possano sentirsi parte.
Roma, 02/12/2011

 

            IL COORDINATORE NAZIONALE FP CGIL
                               Marinella Perrini



 
 


  1. Stampa
 

Lavoro Pubblico