1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 
COMUNICATO


IL KO NON DEVE ESSERE DEI LAVORATORI

 

Il Governo Monti esordisce con lo scioglimento dell'Inpdap nell'Inps che dovrebbe portare un risparmio, secondo i tecnici, di circa 20 milioni di Euro giÓ nel primo anno di gestione ( in allegato l'art. 21 del Decreto).

In tutto questo i vertici Inpdap si sono distinti per il profondo disinteresse, (o l'ignoranza?), su ci˛ che stava capitando al tavolo politico, deputato a decidere anche sulla soppressione dell'Inpdap.

L'interesse, per˛, oggi deve essere alto e deve esserlo a tutela delle lavoratrici e i lavoratori dell'istituto e A NESSUNO Ŕ PERMESSA LA LOGICA DEL SI SALVI CHI PUO'.

LA CGIL CHIEDE

- L'immediata attivazione di un tavolo sindacale di confronto con i vertici in scadenza e con i rappresentanti dell'Ente accorpante per decidere:

1) i giusti riconoscimenti che devono andare a chi ha lavorato sempre, e spesso oltre il dovuto e con spirito di sacrificio e servizio, nell'interesse di questo Istituto;

2) le garanzie che vanno date alle funzioni dell'Inpdap, quando tra 6 mesi, come dice la lettera del Decreto, si dovrÓ procedere ad una riorganizzazione generale delle funzioni Inps.

- L'inquadramento di tutti i vincitori del concorso per l'area C e per l'area B in modo tale che al passaggio delle risorse umane in Inps ( con decreto ministeriale da emanarsi entro 60 gg dalla chiusura del bilancio Inpdap) ci sia la possibilitÓ di fruire delle vacanze di organico dell'Inps per assumere sia i vincitori che gli idonei dei due concorsi;

- L'impegno di stabilizzazione di tutti i comandati in forza all'Istituto che potrebbero essere stabilizzati, anche loro, fruendo delle vacanze organiche dell'Inps;

- La certezza delle posizioni di lavoro di tutti i lavoratori in tutte le sedi d'Italia con l'assegnazione di ruoli e funzioni attraverso atti determinativi della dirigenza, lý dove manchino, per evitare che si possa fare dell'incertezza delle competenze un'arma per il demansionamento;

- L'attribuzione ai lavoratori di tutte le risorse del fondo di ente e di tutti i compensi accessori, indipendentemente dalla valutazione o dal raggiungimento degli obiettivi che , ovviamente, perdono di significato e credibilitÓ in questa situazione.

Roma 5/12/2011
 

           Il Coordinatore Nazionale FPCGIL Inpdap

                             Marinella Perrini

 
 


  1. Stampa
 

Lavoro Pubblico