1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

D.M. 2 aprile 2001

Determinazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie.
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 5 giugno 2001, n. 128, S.O.

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITĀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA di concerto con IL MINISTRO DELLA SANITĀ

VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168;
VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;
VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341;
VISTA la legge 19 ottobre 1999, n. 370, e in particolare l'articolo 6, commi 6 e 7;
VISTA la legge 2 agosto 1999, n. 264, e in particolare l'articolo 1, comma 1, lettera a);
VISTO il decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509, e in particolare gli articoli 3, 4, 5 e 10;
VISTI i decreti ministeriali 23 dicembre 1999 e 26 giugno 2000 concernenti la rideterminazione dei settori scientifico-disciplinari;
VISTO il decreto ministeriale 4 ottobre 2000 concernente la declaratoria dei contenuti dei settori scientifico-disciplinari come rideterminati dai precitati decreti ministeriali;
VISTE le direttive dell'Unione Europea 77/452/CEE, 77/453/CEE, 80/154/CEE, 80/155/CEE, e successive modificazioni, concernenti il reciproco riconoscimento dei diplomi e certificati, nonché il coordinamento delle disposizioni legislative e regolamentari per le attivitā di infermiere e di ostetrica/o;
VISTO il decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 115 concernente l'attuazione della direttiva 89/48/CEE relativa ad un sistema generale di riconoscimento dei diplomi di istruzione superiore che sanzionano formazioni professionali di una durata minima di tre anni;
VISTO il decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 187, concernente il recepimento della direttiva 97/43 Euratom;
VISTO l'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni;
VISTI i decreti del Ministro della sanitā nn. 665, 666, 667, 668, 739, 740, 741, 742, 743, 744 del 14.09.1994, nn. 745, 746 del 26.09.1994, n. 183 del 15.03.1995, nn. 56, 58, 69, 70, 136 del 17.01.1997, n. 316 del 27.07.1998, n. 520 dell'8.10.1998, n. 137 del 15.03.1999 e del 29.03.2001, adottati ai sensi dell'articolo 6, comma 3, del predetto decreto legislativo n. 502/1992 e successive modificazioni;
VISTA la legge 26 febbraio 1999, n. 42;
VISTA la legge 10 agosto 2000, n. 251;
VISTO il decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229;
VISTO il decreto legislativo 21 dicembre 1999, n. 517;
CONSIDERATA l'esigenza di provvedere alla rideterminazione dei percorsi della formazione universitaria per le professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche, della riabilitazione, tecniche e della prevenzione nel quadro della disciplina generale degli studi universitari recata dal D.M. n. 509/1999 e dalla richiamata legge n. 251/2000;
VISTO il decreto del Ministro della sanitā, di concerto con il Ministro dell'universitā e della ricerca scientifica e tecnologica, 29 marzo 2001, con il quale, in attuazione dell'articolo 6 della predetta legge 251/2000, sono state individuate e classificate le figure professionali sanitarie di cui agli articoli 1, 2, 3, 4 della stessa legge;
CONSIDERATA la necessitā di assicurare l'omogeneitā dell'articolazione delle classi alla ripartizione tra le professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche, della riabilitazione, tecniche e della prevenzione in conformitā alle prescrizioni di cui alla predetta legge 251/2000, e, in particolare, al predetto decreto di cui all'articolo 6;
VISTO il parere del CUN, reso nell'adunanza dell'8 febbraio 2001;
VISTO il parere del CNSU, reso nell'adunanza del 6 febbraio 2001;
VISTO il parere del Consiglio superiore di sanitā - Sezione II -, reso nell'adunanza del 5 febbraio 2001;
ACQUISITO il preliminare concerto del Ministro della Sanitā con nota del 23 febbraio 2001 (prot. n. 100/199.21/2108);
VISTI i pareri della VII Commissione della Camera dei Deputati, reso il 7 marzo 2001, e della VII Commissione del Senato della Repubblica, reso l'8 marzo 2001;
Decreta:
1. 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni, nonché dell'articolo 4, commi 1 e 2, del decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509, le classi dei corsi di laurea per le professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche, della riabilitazione, tecniche e della prevenzione, di cui agli allegati da 1 a 4.
2. I corsi di laurea istituiti dalle universitā, ai sensi del presente provvedimento e con le modalitā previste dall'articolo 11, comma 1, della legge n. 341/90, sono finalizzati a formare laureati secondo gli specifici profili professionali di cui ai decreti adottati dal Ministro della sanitā ai sensi dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni.
3. Le universitā attribuiscono la denominazione al corso di laurea corrispondente a quella della figura professionale di cui al relativo decreto del Ministro della sanitā, adottato ai sensi dell'articolo 6, comma 3 del decreto legislativo n. 502/1992.
4. Le universitā adeguano gli ordinamenti didattici alle disposizioni del presente decreto, entro 18 mesi dalla data di pubblicazione di quest'ultimo nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.
5. Gli obiettivi formativi qualificanti, di cui al presente decreto, e le denominazioni dei titoli finali rilasciati dalle universitā sono ridefiniti con decreto del Ministro dell'universitā e della ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con il Ministro della sanitā, in conformitā con eventuali riformulazioni determinate con i decreti del Ministro della sanitā adottati ai sensi dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/1992 e successive modificazioni.

2. 1. I corsi di laurea afferenti alle classi di cui al presente decreto sono istituiti e attivati dalle facoltā di Medicina e Chirurgia con il concorso, ove previsto dallo specifico profilo formativo, di altre facoltā. La formazione prevista dai predetti corsi avviene nelle Aziende ospedaliere, nelle Aziende ospedaliero-universitarie, negli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico ovvero presso altre strutture del Servizio sanitario nazionale e istituzioni private accreditate a norma del decreto ministeriale 24 settembre 1997 e successive modificazioni. A tal fine sono stipulati appositi protocolli di intesa tra le regioni e le universitā, a norma dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/1992 e successive modificazioni.
2. I corsi di laurea finalizzati alla formazione del profilo dell'educatore professionale e del tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro sono istituiti e attivati dagli atenei con il concorso di pių facoltā, tra le quali č comunque ricompresa la facoltā di Medicina e Chirurgia, sulla base di specifiche norme del regolamento didattico di ateneo che ne disciplinano il funzionamento. 

3. 1. Le competenti strutture didattiche determinano, con il regolamento didattico del corso di laurea, l'elenco degli insegnamenti, da affidare di norma a personale del ruolo sanitario, e delle altre attivitā formative di cui all'articolo 12, comma 2, del decreto ministeriale n. 509/1999, secondo criteri di stretta funzionalitā con le figure professionali e i relativi profili individuati dal Ministro della Sanitā ai sensi dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/1992 e successive modificazioni.
2. I laureati al termine dei percorsi formativi determinati negli allegati al presente decreto devono acquisire le competenze professionali previste, per ciascuna figura, dai decreti del Ministro della sanitā, adottati ai sensi dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/1992, e successive modificazioni.

4. 1. I regolamenti didattici di ateneo stabiliscono il numero di crediti da assegnare agli ambiti disciplinari per i quali il numero stesso non sia specificato nell'allegato.
2. Limitatamente alle attivitā formative caratterizzanti, qualora negli allegati siano indicati pių di tre ambiti disciplinari per ciascuno dei quali non sia stato specificato il numero minimo dei relativi crediti, i regolamenti didattici di ateneo individuano per ciascun corso di studio i settori scientifico-disciplinari afferenti ad almeno tre ambiti, funzionali alla specificitā del corso stesso, assegnando ai medesimi ambiti un numero adeguato di crediti. Č comunque riservato all'āmbito specifico corrispondente alla figura professionale, cui č finalizzato il corso di laurea, almeno il settanta per cento dei crediti.
3. I regolamenti didattici possono disporre l'impiego, tra le attivitā affini o integrative, degli ambiti disciplinari caratterizzanti non utilizzati, assicurando comunque il rispetto dei criteri di cui all'articolo 10, comma 1, lettera c), del decreto ministeriale n. 509/1999.
4. In considerazione dell'elevato contenuto pratico delle attivitā formative e delle direttive comunitarie concernenti le professioni sanitarie di cui al presente decreto, la frazione dell'impegno orario complessivo riservata allo studio personale o ad altre attivitā formative di tipo individuale non puō essere superiore al trenta per cento.

5. 1. I crediti formativi universitari dei corsi di laurea di cui al presente decreto corrispondono a 25 ore di lavoro per studente.
2. In deroga alle disposizioni di cui al comma 1, i crediti formativi universitari dei corsi di laurea per la formazione delle figure professionali dell'infermiere, dell'infermiere pediatrico e dell'ostetrica/o, di cui alle direttive dell'Unione Europea citate in premessa, corrispondono a 30 ore di lavoro per studente.

6. 1. Ai sensi dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/1992 e successive modificazioni, la prova finale dei corsi di laurea afferenti alle classi di cui al presente decreto ha valore di esame di Stato abilitante all'esercizio professionale.
2. La prova finale:
a) consiste nella redazione di un elaborato e nella dimostrazione di abilitā pratiche;
b) č organizzata in due sessioni in periodi definiti a livello nazionale, con decreto del Ministro dell'Universitā e della ricerca scientifica e tecnologica di concerto con il Ministro della Sanitā;
c) la Commissione per la prova finale č composta da non meno di 7 e non pių di 11 membri, nominati dal Rettore su proposta del Consiglio di corso di laurea, e comprende almeno 2 membri designati dal Collegio professionale, ove esistente, ovvero dalle Associazioni professionali individuate con apposito decreto del Ministro della sanitā sulla base della rappresentativitā a livello nazionale. Le date delle sedute sono comunicate ai Ministeri dell'universitā e della ricerca scientifica e tecnologica e della sanitā che possono inviare esperti, come loro rappresentanti, alle singole sessioni. In caso di mancata designazione dei predetti componenti, il Rettore esercita il potere sostitutivo.

7. 1. Le universitā rilasciano i titoli di laurea con la denominazione del corso e della classe di appartenenza.

8. 1. Le universitā assicurano la conclusione dei corsi di diploma universitario e il rilascio dei relativi titoli, secondo gli ordinamenti didattici vigenti, agli studenti giā iscritti ai corsi alla data del presente decreto e disciplinano altresė la facoltā per i medesimi studenti di optare per l'iscrizione ai corsi di laurea di cui allo stesso decreto. Ai fini dell'opzione le universitā valutano in termini di crediti formativi universitari le attivitā formative svolte in conformitā agli ordinamenti didattici vigenti.
2. Con successivo provvedimento, adottato ai sensi dell'articolo 5 della legge n. 251/2000, saranno definiti i criteri per disciplinare gli accessi ai corsi di laurea, afferenti alle classi di cui al presente decreto, degli esercenti le professioni di cui agli articoli 1, 2, 3 e 4 della medesima legge, in possesso dei requisiti ivi previsti.
3. Modifiche alle classi di cui al presente decreto e istituzioni di nuove classi, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502/1992, possono essere disposte con decreto del Ministro dell'universitā e della ricerca scientifica e tecnologica di concerto con il Ministro della sanitā, in conformitā alle disposizioni di cui all'articolo 4, comma 2, del decreto ministeriale n. 509/1999.

Allegato - Sommario
Numerazione e denominazione
delle classi delle lauree
N° classe Denominazione Allegato
1 Classe delle lauree in professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria ostetrica 1
2 Classe delle lauree in professioni sanitarie della riabilitazione 2
3 Classe delle lauree in professioni sanitarie tecniche 3
4 Classe delle lauree in professioni sanitarie della prevenzione 4

Allegato 1 - Classe 1
CLASSE DELLE LAUREE NELLE
PROFESSIONI SANITARIE INFERMIERISTICHE
E PROFESSIONE SANITARIA OSTETRICA
OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI
I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 1, comma 1, gli operatori delle professioni sanitarie dell'area delle scienze infermieristiche e della professione sanitaria ostetrica che svolgono con autonomia professionale attivitā dirette alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva, espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici ed utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell'assistenza nell'etā evolutiva, adulta e geriatrica.
I laureati nella classe sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro sia la migliore comprensione dei pių rilevanti elementi, anche in relazione al genere, che sono alla base dei processi fisiologici e patologici ai quali č rivolto il loro intervento preventivo e terapeutico, sia la massima integrazione con le altre professioni. Devono inoltre saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.
Le strutture didattiche devono individuare e costruire altrettanti percorsi formativi atti alla realizzazione delle diverse figure di laureati funzionali ai profili professionali individuati dai decreti del Ministero della sanitā.
Le strutture didattiche individuano a tal fine, mediante l'opportuna selezione degli ambiti disciplinari delle attivitā formative caratterizzanti, con particolare riguardo ai settori scientifico-disciplinari professionalizzanti, gli specifici percorsi formativi delle professioni sanitarie ricomprese nella classe.
In particolare, i laureati nella classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze professionali di seguito indicate e specificate riguardo ai singoli profili identificati con provvedimenti della competente autoritā ministeriale. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali e che venga conseguita nel contesto lavorativo specifico di ogni profilo, cosė da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilitā nell'ambiente di lavoro. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attivitā formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali appositamente assegnati, coordinata da un docente appartenente al pių elevato livello formativo previsto per ciascun profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo ove esistenti.
I laureati della classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze previste dagli specifici profili professionali. In particolare:
Nell'āmbito della professione sanitaria di infermiere, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 739 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili dell'assistenza generale infermieristica. Detta assistenza infermieristica, preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, č di natura tecnica, relazionale, educativa. Le loro principali funzioni sono la prevenzione delle malattie, l'assistenza dei malati e dei disabili di tutte le etā e l'educazione sanitaria. I laureati in infermieristica partecipano all'identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettivitā; identificano i bisogni di assistenza infermieristica della persona e della collettivitā e formulano i relativi obiettivi; pianificano, gestiscono e valutano l'intervento assistenziale infermieristico; garantiscono la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche; agiscono sia individualmente che in collaborazione con gli altri operatori sanitari e sociali, avvalendosi, ove necessario, dell'opera del personale di supporto; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, nel territorio e nell'assistenza domiciliare, in regime di dipendenza o libero-professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca.
Nell'āmbito della professione sanitaria di ostetrico/a, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 740 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero assistono e consigliano la donna nel periodo della gravidanza, durante il parto e nel puerperio, conducono e portano a termine parti eutocici con propria responsabilitā e prestano assistenza al neonato. I laureati in ostetricia, per quanto di loro competenza, partecipano ad interventi di educazione sanitaria e sessuale sia nell'āmbito della famiglia che nella comunitā; alla preparazione psicoprofilattica al parto; alla preparazione e all'assistenza ad interventi ginecologici; alla prevenzione e all'accertamento dei tumori della sfera genitale femminile; ai programmi di assistenza materna e neonatale; gestiscono, nel rispetto dell'etica professionale, come membri dell'equipe sanitaria, gli interventi assistenziali di loro competenza; sono in grado di individuare situazioni potenzialmente patologiche che richiedono l'intervento medico e di praticare, ove occorra, le relative misure di particolare emergenza; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca. Le attivitā pratiche e di tirocinio vanno svolte, sia qualitativamente che quantitativamente, in applicazione delle relative norme dell'Unione Europea, in particolare lo standard formativo deve rispettare la direttiva 80/154/CEE.
Nell'āmbito della professione sanitaria di infermiere pediatrico, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 17 gennaio 1997, n. 70 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili dell'assistenza infermieristica pediatrica. Detta assistenza infermieristica pediatrica, preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa č di natura tecnica, relazionale, educativa. Le loro principali funzioni sono la prevenzione delle malattie, l'assistenza dei malati e dei disabili in etā evolutiva e l'educazione sanitaria. I laureati in infermieristica pediatrica partecipano all'identificazione dei bisogni di salute fisica e psichica del neonato, del bambino, dell'adolescente, della famiglia; identificano i bisogni di assistenza infermieristica pediatrica e formulano i relativi obiettivi; pianificano, conducono e valutano l'intervento assistenziale, infermieristico, pediatrico; partecipano ad interventi di educazione sanitaria sia nell'āmbito della famiglia che della comunitā, alla cura di individui sani in etā evolutiva nel quadro di programmi di promozione della salute e prevenzione delle malattie e degli incidenti, all'assistenza ambulatoriale, domiciliare e ospedaliera dei neonati, all'assistenza ambulatoriale, domiciliare e ospedaliera dei soggetti di etā inferiore a 18 anni, affetti da malattie acute e croniche, alla cura degli individui in etā adolescenziale nel quadro dei programmi di prevenzione e supporto socio-sanitario; garantiscono la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche; agiscono sia individualmente sia in collaborazione con gli operatori sanitari e sociali; si avvalgono, ove necessario, dell'opera del personale di supporto per l'espletamento delle loro funzioni; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, nel territorio e nell'assistenza domiciliare, in regime di dipendenza o libero-professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale.
Negli ordinamenti didattici delle classi di laurea deve essere prevista l'attivitā didattica in materia di radioprotezione secondo i contenuti di cui all'allegato IV del decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 187.

Attivitā formative indispensabili

Attivitā formative Ambiti disciplinari Settori scientifico- disciplinari CFU Tot.
CFU
Di base Scienze propedeutiche 18
FIS/07 - Fisica applicata (a beni culturali, ambientali,
biologia e medicina)
INF/01 - Informatica
M-DEA/01 - Discipline demoetnoantropologiche
M-PSI/01 - Psicologia generale
MED/O01 - Statistica medica
Scienze biomediche
BIO/09 - Fisiologia
BIO/I0 - Biochimica
BI0/13 - Biologia applicata
BIO/16 - Anatomia umana
BIO/17 - Istologia
MED/04 - Patologia generale
MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica
Caratterizzanti Scienze infermieristiche 53
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
MED/47 - Scienze infermieristiche ostetrico-
ginecologiche
MED149 - Scienze tecniche dietetiche applicate
Scienze ostetriche
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
MED147 - Scienze infermieristiche ostetrico-
ginecologiche
MED/49 - Scienze tecniche dietetiche applicate
Scienze
infermieristiche MED145 - Scienze infermieristiche generali, cliniche
pediatriche e pediatriche
MED/49 - Scienze tecniche dietetiche applicate
Scienze medico-
chirurgiche BIO/14 - Farmacologia
MED/05 - Patologia clinica
MED/08 - Anatomia patologica
MED/09 - Medicina interna
MED/17 - Malattie infettive
MED/18 - Chirurgia generale
MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/40 - Ginecologia e ostetricia
Scienze della
prevenzione e dei servizi BIO/12 - Biochimica clinica e biologia molecolare
sanitari clinica
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/43 - Medicina legale
MED/44 - Medicina del lavoro
Primo soccorso
BI0/14 - Farmacologia
MED109 - Medicina interna
MED/18 - Chirurgia generale
MED/41 - Anestesiologia
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
Affini o integrative Scienze interdisciplinari 18
cliniche MED/03 - Genetica medica
MED/06 - Oncologia medica
MED/10 - Malattie dell'apparato respiratorio
MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
MED/12 - Gastroenterologia
MED/13 - Endocrinologia
MED/14 - Nefrologia
MED/I5 - Malattie del sangue
MED/16 - Reumatologia
MED/19 - Chirurgia plastica
MED/20 - Chirurgia pediatrica e infantile
MED/21 - Chirurgia toracica
MED/22 - Chirurgia vascolare
MED/23 - Chirurgia cardiaca
MED/24 - Urologia
MED/25 - Psichiatria
MED/26 - Neurologia
MED/27 - Neurochirurgia
MED/28 - Malanie odontostomatologiche
MED/30 - Malattie apparato visivo
MED/31 - Otorinolaringoiatria
MED/32 - Audiologia
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/35 - Malattie cutanee e veneree
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/41 - Anestesiologia
Scienze umane e
psicopedagogiche M-FIL/02 - Logica e filosofia della scienza
M-FIL/03 - Filosofia morale
M-PED/01 - Pedagogia generale e sociale
M-PED/03 - Didattica e pedagogia speciale
M-PSI/03 - Psicometria
M-PSI/04 - Psicologia dello sviluppo e psicologia
dell'educazione
MED/02 - Storia della medicina
SPS/07 - Sociologia generale
Scienze del
management sanitario IUS/07 - Diritto del lavoro
IUS/09 - Istituzioni di diritto pubblico
M-PSI/05 - Psicologia sociale
M-PSI/06 - Psicologia del lavoro e delle
organizzazioni
SECS-P/06 - Economia applicata
SECS-P/07 - Economia aziendale
SECS-P/10 - Organizzazione aziendale
SPS/09 - Sociologia dei processi economici e del
lavoro
Scienze interdisciplinari
ING-INF/05 - Sistemi di elaborazione delle
informazioni
M-PSI/04 - Psicologia dello sviluppo e psicologia
dell'educazione
M-PS/108 - Psicologia clinica
SECS-S/02 - Statistica per la ricerca sperimentale e
tecnologica

Attivitā formative Tipologie

A scelta dello studente 9

Per la prova finale e Prova finale 11
per la conoscenza della
lingua straniera Lingua straniera

Altre (art. 10, comma 1, Ulteriori conoscenze linguistiche, abilitā informatiche e relazionali, tirocini, etc. 9
lettera f)
TOTALE 118

Allegato 2 - Classe 2
CLASSE DELLE LAUREE NELLE
PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE
OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI
I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 2, comma 1, operatori delle professioni sanitarie dell'area della riabilitazione che svolgono con titolaritā e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettivitā, attivitā dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dai relativi profili professionali.
I laureati della classe sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro la migliore comprensione dei pių rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici sui quali si focalizza il loro intervento riabilitativo e/o terapeutico in etā evolutiva, adulta e geriatrica. Devono inoltre saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'āmbito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.
Le strutture didattiche devono pertanto individuare e costruire altrettanti percorsi formativi atti alla realizzazione delle diverse figure di laureati funzionali ai profili professionali dai decreti del Ministero della sanitā.
Le strutture didattiche individuano a tal fine, mediante l'opportuna selezione degli ambiti disciplinari delle attivitā formative caratterizzanti, con particolare riguardo ai settori scientifico-disciplinari professionalizzanti, gli specifici percorsi formativi delle professioni sanitarie ricomprese nella classe. In particolare per l'educatore professionale, al fine di connotarne la figura di operatore dell'area sanitaria, č indispensabile una adeguata utilizzazione dei settori scientifico-disciplinari.
In particolare, i laureati nella classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze professionali di seguito indicate e specificate riguardo ai singoli profili identificati con provvedimenti della competente autoritā ministeriale. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali e che venga conseguita nel contesto lavorativo specifico di ogni profilo, cosė da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilitā nell'ambiente di lavoro. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attivitā formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali appositamente assegnati, coordinata da un docente appartenente al pių elevato livello formativo previsto per ciascun profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo ove esistenti.
I laureati della classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze previste dagli specifici profili professionali. In particolare:
Nell'āmbito della professione sanitaria del podologo, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 666 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero trattano direttamente, nel rispetto della normativa vigente, dopo esame obiettivo del piede, con metodi incruenti, ortesici ed idromassoterapici, le callositā, le unghie ipertrofiche, deformi e incarnite, nonché il piede doloroso. I laureati in podologia, su prescrizione medica, prevengono e svolgono la medicazione delle ulcerazioni delle verruche del piede e comunque assistono, anche ai fini dell'educazione sanitaria, i soggetti portatori di malattie a rischio; individuano e segnalano al medico le sospette condizioni patologiche che richiedono un approfondimento diagnostico o un intervento terapeutico; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria del fisioterapista, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 741 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono, in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricitā, delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici, a varia eziologia, congenita od acquisita. I laureati in fisioterapia, in riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell'āmbito delle loro competenze, elaborano, anche in equipe multidisciplinare, la definizione del programma di riabilitazione volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile; praticano autonomamente attivitā terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilitā motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche e occupazionali; propongono l'adozione di protesi ed ausili, ne addestrano all'uso e ne verificano l'efficacia; verificano le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale; svolgono attivitā di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le loro competenze professionali; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria del logopedista, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 742 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono la loro attivitā nella prevenzione e nel trattamento riabilitativo delle patologie del linguaggio e della comunicazione in etā evolutiva, adulta e geriatrica. L'attivitā dei laureati in logopedia č volta all'educazione e rieducazione di tutte le patologie che provocano disturbi della voce, della parola, del linguaggio orale e scritto e degli handicap comunicativi. Essi, in riferimento alla diagnosi ed alla prescrizione del medico, nell'āmbito delle loro competenze, elaborano, anche in equipe multidisciplinare, il bilancio logopedico volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile; praticano autonomamente attivitā terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilitā comunicative e cognitive, utilizzando terapie logopediche di abilitazione e riabilitazione della comunicazione e del linguaggio, verbali e non verbali; propongono l'adozione di ausili, ne addestrano all'uso e ne verificano l'efficacia; svolgono attivitā di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le loro competenze professionali; verificano le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria dell'ortottista e dell'assistente di oftalmologia, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 743 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero trattano, su prescrizione del medico, i disturbi motori e sensoriali della visione ed effettuano le tecniche di semeiologia strumentale-oftalmologica. I laureati in ortottica ed assistenza oftalmologica sono responsabili dell'organizzazione, della pianificazione e della qualitā degli atti professionali svolti nell'āmbito delle loro mansioni; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria del terapista della neuro e psicomotricitā dell'etā evolutiva, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 17 gennaio 1997, n. 56 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono, in collaborazione con l'equipe multiprofessionale di neuropsichiatria infantile e in collaborazione con le altre discipline dell'area pediatrica, gli interventi di prevenzione, terapia e riabilitazione delle malattie neuropsichiatriche infantili, nelle aree della neuro-psicomotricitā, della neuropsicologia e della psicopatologia dello sviluppo. I laureati in terapia della neuro e psicomotricitā dell'etā evolutiva, in riferimento alle diagnosi e alle prescrizioni mediche, nell'āmbito delle specifiche competenze, adattano gli interventi terapeutici alle peculiari caratteristiche dei pazienti in etā evolutiva con quadri clinici multiformi che si modificano nel tempo in relazione alle funzioni emergenti; individuano ed elaborano, nell'equipe multiprofessionale, il programma di prevenzione, di terapia e riabilitazione volto al superamento del bisogno di salute del bambino con disabilitā dello sviluppo; attuano interventi terapeutici e riabilitativi nei disturbi percettivo-motori, neurocognitivi e nei disturbi di simbolizzazione e di interazione del bambino fin dalla nascita; attuano procedure rivolte all'inserimento dei soggetti portatori di disabilitā e di handicap neuro-psicomotorio e cognitivo; collaborano all'interno dell'equipe multiprofessionale con gli operatori scolastici per l'attuazione della prevenzione, della diagnosi funzionale e del profilo dinamico-funzionale del piano educativo individualizzato; svolgono attivitā terapeutica per le disabilitā neuro-psicomotorie, psicomotorie e neuropsicologiche in etā evolutiva utilizzando tecniche specifiche per fascia d'etā e per singoli stadi di sviluppo; attuano procedure di valutazione dell'interrelazione tra funzioni affettive, funzioni cognitive e funzioni motorie per ogni singolo disturbo neurologico, neuropsicologico e psicopatologico dell'etā evolutiva; identificano il bisogno e realizzano il bilancio diagnostico e terapeutico tra rappresentazione somatica e vissuto corporeo e tra potenzialitā funzionali generali e relazione oggettuale; elaborano e realizzano il programma terapeutico che utilizza schemi e progetti neuromotori come atti mentali e come strumenti cognitivi e meta-cognitivi; utilizzano altresė la dinamica corporea come integrazione delle funzioni mentali e delle relazioni interpersonali; verificano l'adozione di protesi e di ausili rispetto ai compensi neuropsicologici e al rischio psicopatologico; partecipano alla riabilitazione funzionale in tutte le patologie acute e croniche dell'infanzia; documentano le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata secondo gli obiettivi di recupero funzionale e le caratteristiche proprie delle patologie che si modificano in rapporto allo sviluppo; svolgono attivitā di studio, di didattica e di ricerca specifica applicata, e di consulenza professionale, nei servizi sanitari e nei luoghi in cui si richiede la loro competenza professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico della riabilitazione psichiatrica, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā del 29 marzo 2001 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono, nell'āmbito di un progetto terapeutico elaborato in un équipe multidisciplinare, interventi riabilitativi ed educativi sui soggetti con disabilitā psichica. I laureati in riabilitazione psichiatrica collaborano alla valutazione della disabilitā psichica e delle potenzialitā del soggetto, analizza bisogni e istanze evolutive e rivela le risorse del contesto familiare e socio-ambientale, collaborano all'identificazione degli obiettivi formativo-terapeuci e di riabilitazione psichiatrica nonché alla formulazione dello specifico programma di intervento mirato al recupero e allo sviluppo del soggetto in trattamento; attuano interventi volti all'abilitazione/riabilitazione dei soggetti alla cura di sč e alle relazioni interpersonali di varia complessitā nonché, ove possibile, ad un'attivitā lavorativa; operano nel contesto della prevenzione primaria sul territorio, al fine di promuovere lo sviluppo delle relazioni di rete, per favorire l'accoglienza e la gestione delle situazioni a rischio di patologie manifestate; operano sulle famiglie e sul contesto sociale dei soggetti, allo scopo di favorirne il reinserimento nella comunitā; collaborano alla valutazione degli esiti del programma di abilitazione e riabilitazione nei singoli soggetti, in relazione agli obiettivi prefissati; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale; svolgono la loro attivitā professionale in strutture e servizi sanitari pubblici o privati, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria della terapista occupazionale, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 17 gennaio 1997, n. 136 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero operano nell'āmbito della prevenzione, cura e riabilitazione dei soggetti affetti da malattie e disordini fisici, psichici sia con disabilitā temporanee che permanenti, utilizzando attivitā espressive, manuali-rappresentative, ludiche, della vita quotidiana. I laureati in terapia occupazionale, in riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell'āmbito delle loro competenze ed in collaborazione con altre figure socio-sanitarie, effettuano una valutazione funzionale e psicologica del soggetto ed elaborano, anche in equipe multidisciplinare, la definizione del programma riabilitativo, volto all'individuazione ed al superamento dei bisogni del disabile ed al suo avviamento verso l'autonomia personale nell'ambiente di vita quotidiana e nel tessuto sociale; trattano condizioni fisiche, psichiche e psichiatriche, temporanee o permanenti, rivolgendosi a pazienti di tutte le etā; utilizzano attivitā sia individuali che di gruppo, promuovendo il recupero e l'uso ottimale di funzioni finalizzate al reinserimento, all'adattamento e all'integrazione dell'individuo nel proprio ambiente personale, domestico e sociale; individuano ed esaltano gli aspetti motivazionali e le potenzialitā di adattamento dell'individuo, proprie della specificitā terapeutica occupazionale; partecipano alla scelta e all'ideazione di ortesi congiuntamente o in alternativa a specifici ausili; propongono, ove necessario, modifiche dell'ambiente di vita e promuovono azioni educative verso il soggetto in trattamento, verso la famiglia e la collettivitā; verificano le rispondenze tra la metodologia riabilitativa attuata e gli obiettivi di recupero funzionale e psicosociale; svolgono attivitā di studio e ricerca, di didattica e di supporto in tutti gli ambiti in cui č richiesta la loro specifica professionalitā; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale; svolgono la loro attivitā professionale in strutture socio-sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria dell'educatore professionale, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 8 ottobre 1998, n. 520 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero attuano specifici progetti educativi e riabilitativi, nell'āmbito di un progetto terapeutico elaborato da un'equipe multidisciplinare, volti a uno sviluppo equilibrato della personalitā con obiettivi educativo/relazionali in un contesto di partecipazione e recupero alla vita quotidiana; curano il positivo inserimento o reinserimento psico-sociale dei soggetti in difficoltā. I laureati in educazione professionale programmano, gestiscono e verificano interventi educativi mirati al recupero e allo sviluppo delle potenzialitā dei soggetti in difficoltā per il raggiungimento di livelli sempre pių avanzati di autonomia; contribuiscono a promuovere e organizzare strutture e risorse sociali e sanitarie, al fine di realizzare il progetto educativo integrato; programmano, organizzano, gestiscono e verificano le loro attivitā professionali all'interno di servizi socio-sanitari e strutture socio-sanitarie-riabilitative e socio educative, in modo coordinato e integrato con altre figure professionali presenti nelle strutture, con il coinvolgimento diretto dei soggetti interessati e/o delle loro famiglie, dei gruppi, della collettivitā; operano sulle famiglie e sul contesto sociale dei pazienti, allo scopo di favorire il reinserimento nella comunitā; partecipano ad attivitā di studio, ricerca e documentazione finalizzate agli scopi sopra elencati; contribuiscono alla formazione degli studenti e del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e all'educazione alla salute; svolgono la loro attivitā professionale, nell'āmbito delle loro competenze, in strutture e servizi socio-sanitari e socio-educativi pubblici o privati, sul territorio, nelle strutture residenziali e semiresidenziali in regime di dipendenza o libero professionale.

Negli ordinamenti didattici delle classi di laurea deve essere prevista l'attivitā didattica in materia di radioprotezione secondo i contenuti di cui all'allegato IV del decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 187.
Attivitā formative indispensabili

Attivitā formative Ambiti disciplinari Settori scientifico- disciplinari CFU Tot.
CFU
Di base Scienze propedeutiche 18
FIS/07 - Fisica applicata (a beni culturali, ambientali,
biologia e medicina)
INF/01 - Informatica
M-DEA/01 - Discipline demoetnoantropologiche
M-FIL/02 - Logica e filosofia della scienza
M-PED/01 - Pedagogia generale e sociale
M-PED/04 - Pedagogia sperimentale
MED/01 - Statistica medica
SPS/07 - Sociologia generale
SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e
comunicativi
Scienze biologiche e
psicologiche BIO/09 - Fisiologia
BIO/10 - Biochimica
BIO112 - Biochimica clinica e biologia molecolare
clinica
BIO113 - Biologia applicata
BIO/16 - Anatomia umana
BIO/17 - Istologia
M-PS1101 - Psicologia generale
M-PSI/04 - Psicologia dello sviluppo e psicologia
dell'educazione
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/04 - Patologia generale
MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica
Caratterizzazioni Scienze della podologia 53
MED/09 - Medicina interna
MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
MED/13 - Endocrinologia
MED/16 - Reumatologia
MED/17 - Malattie infettive
MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/35 - Malattie cutanee e veneree
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
Scienze fisioterapiche
MED/09 - Medicina interna
MED/10 - Malattie dell'apparato respiratorio
MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
MED/16 - Reumatologia
MED/26 - Neurologia
MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Scienze della logopedia
L-LIN/01 - Glottologia e linguistica
M-FIL/05 - Filosofia e teoria dei linguaggi
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/26 - Neurologia
MED/31 - Otorinolaringoiatria
MED/32 - Audiologia
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Scienze ortottiche e
dell'assistenza FIS/07 - Fisica applicata (a beni culturali ambientali,
oftalmologica biologia e medicina)
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/30 - Malattie apparato visivo
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Scienze della neuro e
psicomotricitā dell'etā BIO/14 - Farmacologia
evolutive M-PSI/02 - Psicobiologia e psicologia fisiologica
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/26 - Neurologia
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
Scienze della
riabilitazione M-PSI/02 - Psicobiologia e psicologia fisiologica
psichiatrica M-PSI/05 - Psicologia sociale
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/25 - Psichiatria
MED/26 - Neurologia
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/43 - Medicina legale
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
Scienze della terapia
occupazionale M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED109 - Medicina interna
MED/25 - Psichiatria
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e
comunicativi
SPS/10 - Sociologia dell'ambiente e del territorio
Scienze dell'educazione
professionale M-DEA/01 - Discipline demoetnoantropologiche
M-FIL/03 - Filosofia morale
M-PED/01 - Pedagogia generale e sociale
M-PED/02 - Storia della pedagogia
M-PED/03 - Didattica e pedagogia speciale
M-PSI/02 - Psicobiologia e psicologia fisiologica
M-PSI/04 - Psicologia dello sviluppo e psicologia
dell'educazione
M-PSI/05 - Psicologia sociale
M-PSI/07 - Psicologia dinamica
M-STO/06 - Storia delle religioni
MED/25 - Psichiatria
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e
comunicativi
SPS/10 - Sociologia dell'ambiente e del territorio
SPS/12 - Sociologia giuridica, della devianza e
mutamento sociale
Scienze medico-
chirurgiche BIO/14 - Farmacologia
MED/05 - Patologia clinica
MED/08 - Anatomia patologica
MED/09 - Medicina interna
MED/17 - Malattie infettive
MED/18 - Chirurgia generale
MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
Scienze della prevenzione
e dei servizi sanitari BIO/12 - Biochimica clinica e biologia molecolare
clinica
MED/36 - Diagnostica per immagini e radioterapia
MED/37 - Neuroradiologia
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/43 - Medicina legale
MED/44 - Medicina del lavoro
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche
e pediatriche
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Primo soccorso
B10/14 - Farmacologia
MED/09 - Medicina interna
MED/18 - Chirurgia generale
MED/41 - Anestesiologia
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche

Affini o integrative Scienze interdisciplinari 18
cliniche M-EDF/01 - Metodi e didattiche delle attivitā motorie
MED/03 - Genetica medica
MED/06 - Oncologia medica
MED/10 - Malattie dell'apparato respiratorio
MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
MED/12 - Gastroenterologia
MED/13 - Endocrinologia
MED/14 - Nefrologia
MED/15 - Malattie del sangue
MED/16 - Reumatologia
MED/19 - Chirurgia plastica
MED/20 - Chirurgia pediatrica e infantile
MED/21 - Chirurgia toracica
MED/22 - Chirurgia vascolare
MED/23 - Chirurgia cardiaca
MED/24- Urologia
MED/25 - Psichiatria
MED/26 - Neurologia
MED/27 - Neurochirurgia
MED/28 - Malattie odontostomatologiche
MED/29 - Chirurgia maxillofacciale
MED/30 - Malattie apparato visivo
MED/31 - Otorinolaringoiatria
MED/32 - Audiologia
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/35 - Malattie cutanee e veneree
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/40 - Ginecologia e ostetricia
MED/41 - Anestesiologia
Scienze umane e
psicopedagogiche M-FIL/02 - Logica e filosofia della scienza
M-FIL/03 - Filosofia morale
M-PED/01 - Pedagogia generale e sociale
M-PED/03 - Didattica e pedagogia speciale
M-PSI/01 - Psicologia generale
M-PSI/03 - Psicometria
M-PSI/04 - Psicologia dello sviluppo e psicologia
dell'educazione
M-PSI/06 - Psicologia del lavoro e delle
organizzazioni
M-PSI/07 - Psicologia dinamica
MED/02 - Storia della medicina
SPS/07 - Sociologia generale
Scienze del management
sanitario IUS/07 - Diritto del lavoro
IUS/09 - Istituzioni di diritto pubblico
M-PSI/05 - Psicologia sociale
M-PSI/06 - Psicologia del lavoro e delle
organizzazioni
SECS-P/06 - Economia applicata
SECS-P/07 - Economia aziendale
SECS-P/10 - Organizzazione aziendale
SPS/09 - Sociologia dei processi economici e del
lavoro
Scienze interdisciplinari ING-INF/05 - Sistemi di elaborazione delle
informazioni
ING-INF/06 - Bioingegneria elettronica e informatica
IUS/10 - Diritto amministrativo
IUS/13 - Diritto internazionale
L-ART/05 - Discipline dello spettacolo
L-ART/06 - Cinema, fotografia e televisione
M-STO/05 - Storia della scienza e delle tecniche
SECS-S/02 - Statistica per la ricerca sperimentale e
tecnologica
SECS-S/05 - Statistica sociale

Attivitā formative Tipologie -

A scelta dello studente 9

Per la prova finale e per la Prova finale 11
conoscenza della lingua
straniera Lingua straniera

Altre (art. 10, comma 1, Ulteriori conoscenze linguistiche, abilitā informatiche e relazionali, tirocini, etc. 9
lettera f)
TOTALE 118

Allegato 3 - Classe 3
CLASSE DELLE LAUREE NELLE
PROFESSIONI SANITARIE TECNICHE
OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI
I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 3, comma 1, operatori delle professioni sanitarie dell'area tecnico-diagnostica e dell'area tecnico-assistenziale che svolgono, con autonomia professionale, le procedure tecniche necessarie alla esecuzione di metodiche diagnostiche su materiali biologici o sulla persona, ovvero attivitā tecnico-assistenziale, in attuazione di quanto previsto nei regolamenti concernenti l'individuazione delle figure e dei relativi profili professionali definiti con decreto del Ministro della sanitā.
I laureati nella classe sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro la migliore comprensione dei pių rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici che si sviluppano in etā evolutiva, adulta e geriatrica, sui quali si focalizza il loro intervento diagnostico. Devono inoltre saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'āmbito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.
Le strutture didattiche devono individuare e costruire altrettanti percorsi formativi atti alla realizzazione delle diverse figure di laureati funzionali ai profili professionali individuati dai decreti del Ministero della sanitā.
Le strutture didattiche individuano a tal fine, mediante l'opportuna selezione degli ambiti disciplinari delle attivitā formative caratterizzanti, con particolare riguardo ai settori scientifico-disciplinari professionalizzanti, gli specifici percorsi formativi delle professioni sanitarie ricomprese nella classe.
In particolare, i laureati nella classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze professionali di seguito indicate e specificate riguardo ai singoli profili identificati con provvedimenti della competente autoritā ministeriale. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali e che venga conseguita nel contesto lavorativo specifico di ogni profilo, cosė da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilitā nell'ambiente di lavoro. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attivitā formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali appositamente assegnati, coordinata da un docente appartenente al pių elevato livello formativo previsto per ciascun profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo ove esistenti.
I laureati della classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze previste dagli specifici profili professionali di cui alle aree individuate dal decreto del Ministero della sanitā in corso di perfezionamento, citato nelle premesse. In particolare:
Area tecnico-diagnostica
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico audiometrista, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 667 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono la loro attivitā nella prevenzione, valutazione e riabilitazione delle patologie del sistema uditivo e vestibolare, nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze diagnostico-terapeutiche del medico. L'attivitā dei laureati in tecniche audiometriche č volta all'esecuzione di tutte le prove non invasive, psico-acustiche ed elettrofisiologiche di valutazione e misura del sistema uditivo e vestibolare ed alla riabilitazione dell'handicap conseguente a patologia dell'apparato uditivo e vestibolare. Essi operano, su prescrizione del medico, mediante atti professionali che implicano la piena responsabilitā e la conseguente autonomia; collaborano con altre figure professionali ai programmi di prevenzione e di riabilitazione delle sorditā utilizzando tecniche e metodologie strumentali e protesiche; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico di laboratorio biomedico, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M Ministero della sanitā 26 settembre 1994, n. 745 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili degli atti di loro competenza, svolgono attivitā di laboratorio di analisi e di ricerca relative ad analisi biomediche e biotecnologiche ed in particolare di biochimica, di microbiologia e virologia, di farmacotossicologia, di immunologia, di patologia clinica, di ematologia, di citologia e di istopatologia. I laureati in tecniche diagnostiche di laboratorio biomedico svolgono con autonomia tecnico professionale le loro prestazioni lavorative in diretta collaborazione con il personale laureato di laboratorio preposto alle diverse responsabilitā operative di appartenenza; sono responsabili, nelle strutture di laboratorio, del corretto adempimento delle procedure analitiche e del loro operato, nell'āmbito delle loro funzioni in applicazione dei protocolli di lavoro definiti dai dirigenti responsabili; verificano la corrispondenza delle prestazioni erogate agli indicatori e standard predefiniti dal responsabile della struttura; controllano e verificano il corretto funzionamento delle apparecchiature utilizzate, provvedono alla manutenzione ordinaria ed alla eventuale eliminazione di piccoli inconvenienti; partecipano alla programmazione e organizzazione del lavoro nell'āmbito della struttura in cui operano; svolgono la loro attivitā in strutture di laboratorio pubbliche e private, autorizzate secondo la normativa vigente, in rapporto di dipendenza o libero-professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca.
Nell'āmbito della professione sanitaria di tecnico di radiologia medica, per immagini e radioterapia, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 26 settembre 1994, n. 746 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili degli atti di loro competenza e sono autorizzati ad espletare indagini e prestazioni radiologiche, nel rispetto delle norme di radioprotezione previste dall'Unione Europea. I laureati in tecniche diagnostiche radiologiche sono abilitati a svolgere, in conformitā a quanto disposto dalla legge 31 gennaio 1983, n. 25, in via autonoma, o in collaborazione con altre figure sanitarie, su prescrizione medica tutti gli interventi che richiedono l'uso di sorgenti di radiazioni ionizzanti, sia artificiali che naturali, di energie termiche, ultrasoniche, di risonanza magnetica nucleare nonché gli interventi per la protezionistica fisica o dosimetrica; partecipano alla programmazione e organizzazione del lavoro nell'āmbito della struttura in cui operano nel rispetto delle loro competenze; programmano e gestiscono l'erogazione di prestazioni polivalenti di loro competenza in collaborazione diretta con il medico radiodiagnosta, con il medico nucleare, con il medico radioterapista e con il fisico sanitario, secondo protocolli diagnostici e terapeutici preventivamente definiti dal responsabile della struttura; sono responsabili degli atti di loro competenza, in particolare controllando il corretto funzionamento delle apparecchiature loro affidate, provvedendo alla eliminazione di inconvenienti di modesta entitā e attuando programmi di verifica e controllo a garanzia della qualitā secondo indicatori e standard predefiniti; svolgono la loro attivitā nelle strutture sanitarie pubbliche o private, in rapporto di dipendenza o libero professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca.
Nell'āmbito della formazione della predetta figura professionale, le universitā assicurano un'adeguata formazione in materia di protezione dalle radiazioni ionizzanti.
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico di neurofisiopatologia, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 15 marzo 1995, n. 183 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono la loro attivitā nell'āmbito della diagnosi delle patologie del sistema nervoso, applicando direttamente, su prescrizione medica, le metodiche diagnostiche specifiche in campo neurologico e neurochirurgico (elettroencefalografia, elettroneuromiografia, poligrafia, potenziali evocati, ultrasuoni). I laureati in tecniche di diagnostica neurofisiopatologica applicano le metodiche pių idonee per la registrazione dei fenomeni bioelettrici, con diretto intervento sul paziente e sulle apparecchiature ai fini della realizzazione di un programma di lavoro diagnostico-strumentale o di ricerca neurofisiologica predisposto in stretta collaborazione con il medico specialista; gestiscono compiutamente il lavoro di raccolta e di ottimizzazione delle varie metodiche diagnostiche, sulle quali, su richiesta devono redarre un rapporto descrittivo sotto l'aspetto tecnico; hanno dirette responsabilitā nell'applicazione e nel risultato finale della metodica diagnostica utilizzata; impiegano metodiche diagnostico-strumentali per l'accertamento dell'attivitā elettrocerebrale ai fini clinici e/o medico-legali; provvedono alla predisposizione e controllo della strumentazione delle apparecchiature in dotazione; esercitano la loro attivitā in strutture sanitarie pubbliche e private, in regime di dipendenza o libero professionale.
Area tecnico-assistenziale
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico ortopedico, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 665 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero operano, su prescrizione medica e successivo collaudo, la costruzione e/o adattamento, applicazione e fornitura di protesi, ortesi e di ausili sostitutivi, correttivi e di sostegno dell'apparato locomotore, di natura funzionale ed estetica, di tipo meccanico o che utilizzano l'energia esterna o energia mista corporea ed esterna, mediante rilevamento diretto sul paziente di misure e modelli. I laureati in tecniche ortopediche, nell'āmbito delle loro competenze, addestrano il disabile all'uso delle protesi e delle ortesi applicate; svolgono, in collaborazione con il medico, assistenza tecnica per la fornitura, la sostituzione e la riparazione delle protesi e delle ortesi applicate; collaborano con altre figure professionali al trattamento multidisciplinare previsto nel piano di riabilitazione; sono responsabili dell'organizzazione, pianificazione e qualitā degli atti professionali svolti nell'āmbito delle loro mansioni; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico audioprotesista, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 668 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono la loro attivitā nella fornitura, adattamento e controllo dei presidi protesici per la prevenzione e correzione dei deficit uditivi; operano su prescrizione del medico mediante atti professionali che implicano la piena responsabilitā e la conseguente autonomia. L'attivitā del laureati in audioprotesi č volta all'applicazione dei presidi protesici mediante il rilievo dell'impronta del condotto uditivo esterno, la costruzione e applicazione delle chiocciole o di altri sistemi di accoppiamento acustico e la somministrazione di prove di valutazione protesica. Essi collaborano con altre figure professionali ai programmi di prevenzione e di riabilitazione delle sorditā mediante la fornitura di presidi protesici e l'addestramento al loro uso; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 27 luglio 1998, n. 316 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero provvedono alla conduzione e manutenzione delle apparecchiature relative alle tecniche di circolazione extracorporea ed alle tecniche di emodinamica. Le loro mansioni sono esclusivamente di natura tecnica; coadiuvano il personale medico negli ambienti idonei fornendo indicazioni essenziali o conducendo, sempre sotto indicazione medica, apparecchiature finalizzate alla diagnostica emodinamica o vicariati le funzioni cardiocircolatorie. I laureati in tecnica della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare pianificano, gestiscono e valutano quanto necessario per il buon funzionamento delle apparecchiature di cui sono responsabili; garantiscono la corretta applicazione delle tecniche di supporto richieste; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al profilo professionale e alla ricerca nelle materie di loro competenza.
Nell'āmbito della professione sanitaria dell'igienista dentale, i laureati sono gli operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 15 marzo 1999, n. 137 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono, su indicazione degli odontoiatri e dei medici chirurghi legittimati all'esercizio dell'odontoiatria, compiti relativi alla prevenzione delle affezioni orodentali. I laureati in igiene dentale svolgono attivitā di educazione sanitaria dentale e partecipano a progetti di prevenzione primaria nell'āmbito del sistema sanitario pubblico; collaborano alla compilazione della cartella clinica odontostomatologica e si occupano della raccolta di dati tecnico-statistici; provvedono all'ablazione del tartaro e alla levigatura delle radici nonché all'applicazione topica dei vari mezzi profilattici; provvedono all'istruzione sulle varie metodiche di igiene orale e sull'uso dei mezzi diagnostici idonei ad evidenziare placca batterica e patina dentale motivando l'esigenza dei controlli clinici periodici; indicano le norme di un'alimentazione razionale ai fini della tutela della salute dentale; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale, su indicazione degli odontoiatri e dei medici chirurghi legittimati all'esercizio dell'odontoiatria.
Nell'āmbito della professione sanitaria del dietista, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 14 settembre 1994, n. 744 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono competenti per tutte le attivitā finalizzate alla corretta applicazione dell'alimentazione e della nutrizione ivi compresi gli aspetti educativi e di collaborazione all'attuazione delle politiche alimentari, nel rispetto della normativa vigente. I laureati in dietistica organizzano e coordinano le attivitā specifiche relative all'alimentazione in generale e alla dietetica in particolare; collaborano con gli organi preposti alla tutela dell'aspetto igienico sanitario del servizio di alimentazione; elaborano, formulano ed attuano le diete prescritte dal medico e ne controllano l'accettabilitā da parte del paziente; collaborano con altre figure al trattamento multidisciplinare dei disturbi del comportamento alimentare; studiano ed elaborano la composizione di razioni alimentari atte a soddisfare i bisogni nutrizionali di gruppi di popolazione e pianificano l'organizzazione dei servizi di alimentazione di comunitā di sani e di malati; svolgono attivitā didattico-educativa e di informazione finalizzate alla diffusione di principi di alimentazione corretta, tale da consentire il recupero e il mantenimento di un buono stato di salute del singolo, di collettivitā e di gruppi di popolazione; svolgono la loro attivitā professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Negli ordinamenti didattici delle classi di laurea deve essere prevista l'attivitā didattica in materia di radioprotezione secondo i contenuti di cui all'allegato IV del decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 187.

Attivitā formative indispensabili

Attivitā formative Ambiti disciplinari Settori scientifico- disciplinari CFU Tot.
CFU
Di base Scienze propedeutiche 18
FIS/07 - Fisica applicata (a beni culturali, ambientali,
biologia e medicina)
INF/01 - Informatica
TNG-INF/07 - Misure elettriche ed elettroniche
M-DEA/01 - Discipline demoetnoantropologiche
M-PSI/01 - Psicologia generale
MAT/05 - Analisi matematica
MED/01 - Statistica medica
SPS/07 - Sociologia generale
Scienze biomediche
BIO/09 - Fisiologia
BIO/10 - Biochimica
BIO/12 - Biochimica clinica e biologia molecolare
clinica
BIO/13 - Biologia applicata
BIO/16 - Anatomia umana
BIO/17 - Istologia
MED/04 - Patologia generale
MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica
Caratterizzazioni Diagnostica audiometrica 53
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/31 - Otorinolaringoiatria
MED/32 - Audiologia
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Diagnostica di
laboratorio biomedico BIO/12 - Biochimica clinica e biologia
molecolare clinica
BIO/17 - Istologia
TNG-INF/07 - Misure elettriche ed elettroniche
MED/03 - Genetica medica
MED/05 - Patologia clinica
MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica
MED/08 - Anatomia patologica
MED/46 - Scienze tecniche di medicina e di
laboratorio
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
VET/06 - Parassitologia e malattie parassitarie
degli animali
Diagnostica per
immagini e FIS/07 - Fisica applicata (a beni culturali,
radioterapia ambientali, biologia e medicina)
ING-INF/07 - Misure elettriche ed elettroniche
MED/36 - Diagnostica per immagini e
radioterapia
MED/37 - Neuroradiologia
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Diagnostica
neurofisiopatologica FIS/07 - Fisica applicata (a beni culturali,
ambientali, biologia e medicina)
ING-INF/07 - Misure elettriche ed elettroniche
MED/26 - Neurologia
MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Scienze e tecniche
ortopediche MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/36 - Diagnostica per immagini e
radioterapia
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Scienze
audioprotesiche ING-IND/22 - Scienza e tecnologia dei materiali
ING-INF/07 - Misure elettriche ed elettroniche
MED/31 - Otorinolaringoiatria
MED/32 - Audiologia
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Tecniche della
fisiopatologia ING-IND/22 - Scienza e tecnologia dei materiali
cardiocircolatoria e ING-INF/01 - Elettronica
perfusione MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
cardiovascolare MED/15 - Malattie del sangue
MED/21 - Chirurgia toracica
MED/22 - Chirurgia vascolare
MED/23 - Chirurgia cardiaca
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Scienze dell'igiene
dentale MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica
MED/28 - Malattie odontostomatologiche
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Scienze della dietistica
AGR/15 - Scienze e tecnologie alimentari
CHIM/10 - Chimica degli alimenti
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
MED/12 - Gastroenterologia
MED/13 - Endocrinologia
MED/14 - Nefrologia
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/49 - Scienze tecniche dietetiche applicate
SECS-P/13 - Scienze merceologiche
Scienze medico-
chirurgiche BIO/14 - Farmacologia
MED/05 - Patologia clinica
MED/08 - Anatomia patologica
MED/09 - Medicina interna
MED/17 - Malattie infettive
MED/18 - Chirurgia generale
MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/40 - Ginecologia e ostetricia
Scienze della
prevenzione e dei BIO/12 - Biochimica clinica e biologia
servizi sanitari molecolare cliniche
M-EDF/01 - Metodi e didattiche delle attivitā
motorie
MED/36 - Diagnostica per immagini e
radioterapia
MED/37 - Neuroradiologia
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/43 - Medicina legale
MED/44 - Medicina del lavoro
MED145 - Scienze infermieristiche generali,
cliniche e pediatriche
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Primo soccorso
BIO/14 - Farmacologia
MED/09 - Medicina interna
MED/18 - Chirurgia generale
MED/41 - Anestesiologia
MED/45 - Scienze infermieristiche generali,
cliniche e pediatriche
Affini o integrative Scienze interdisciplinari 18
cliniche MED/03 - Genetica medica
MED/06 - Oncologia medica
MED/10 - Malattie dell'apparato respiratorio
MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
MED/12 - Gastroenterologia
MED/13 - Endocrinologia
MED/14 - Nefrologia
MED/15 - Malattie del sangue
MED/16 - Reumatologia
MED/19 - Chirurgia plastica
MED/20 - Chirurgia pediatrica e infantile
MED/21 - Chirurgia toracica
MED/22 - Chirurgia vascolare
MED/23 - Chirurgia cardiaca
MED/24 - Urologia
MED/25 - Psichiatria
MED/26 - Neurologia
MED/27 - Neurochirurgia
MED/28 - Malattie odontostomatologiche
MED/30 - Malattie apparato visivo
MED/31 - Otorinolaringoiatria
MED/32 - Audiologia
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/35 - Malattie cutanee e veneree
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/41 - Anestesiologia
Scienze umane e
psicopedagogiche M-FIL/02 - Logica e filosofia della scienza
M-FIL/03 - Filosofia morale
M-PED/01 - Pedagogia generale e sociale
M-PSI/01 - Psicologia generale
M-PSI/03 - Psicometria
M-PSI/04 - Psicologia dello sviluppo e psicologia
dell'educazione
MED/02 - Storia della medicina
SPS/07 - Sociologia generale
Scienze del management
sanitario IUS/07 - Diritto del lavoro
IUS/09 - Istituzioni di diritto pubblico
M-PSI/05 - Psicologia sociale
M-PSI/06 - Psicologia del lavoro e delle
organizzazioni
SECS-P/06 - Economia applicata
SECS-P/07 - Economia aziendale
SECS-P/10 - Organizzazione aziendale
SPS/09 - Sociologia dei processi economici e del
lavoro
Scienze interdisciplinari
ING-INF/05 - Sistemi di elaborazione delle
informazioni
L-LIN/01 - Glottologia e linguistica
SECS-S/02 - Statistica per la ricerca sperimentale e
tecnologica

Attivitā formative Tipologie

A scelta dello studente 9

Per la prova finale e per la Prova finale 11
conoscenza della lingua
straniera Lingua straniera

Altre (art. 10, comma 1, Ulteriori conoscenze linguistiche, abilitā informatiche e relazioni, tirocini, etc. 9
lettera f)
TOTALE 118

Allegato 4 - Classe 4
CLASSE DELLE LAUREE NELLE
PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE
OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI
I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 4, comma 1, gli operatori delle professioni tecniche della prevenzione che svolgono con autonomia tecnico-professionale attivitā di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanitā pubblica e veterinaria. Tali attivitā devono comunque svolgersi nell'āmbito della responsabilitā derivante dai profili professionali.
I laureati nella classe sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro la migliore comprensione dei pių rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici dell'etā evolutiva, adulta e geriatrica sui quali si focalizza il loro intervento preventivo e/o riabilitativo. Devono inoltre saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'āmbito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.
Le strutture didattiche devono pertanto individuare e costruire altrettanti percorsi formativi atti alla realizzazione delle diverse figure di laureati funzionali ai profili professionali individuati dai decreti del Ministero della sanitā.
Le strutture didattiche individuano a tal fine, mediante l'opportuna selezione degli ambiti disciplinari delle attivitā formative caratterizzanti, con particolare riguardo ai settori scientifico-disciplinari professionalizzanti, gli specifici percorsi formativi delle professioni sanitarie ricomprese nella classe.
In particolare, i laureati nella classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze professionali di seguito indicate e specificate riguardo ai singoli profili identificati con provvedimenti della competente autoritā ministeriale. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali e che venga conseguita nel contesto lavorativo specifico di ogni profilo, cosė da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilitā nell'ambiente di lavoro. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attivitā formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali appositamente assegnati, coordinata da un docente appartenente al pių elevato livello formativo previsto per ciascun profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo ove esistenti.
I laureati della classe, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze previste dagli specifici profili professionali. In particolare:
Nell'āmbito della professione sanitaria del tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministro della sanitā 17 gennaio 1997, n. 58 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili, nell'āmbito delle loro competenze, di tutte le attivitā di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanitā pubblica e veterinaria. I laureati in prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, operanti nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza, sono, nei limiti delle loro attribuzioni, ufficiali di polizia giudiziaria; svolgono attivitā istruttoria, finalizzata al rilascio di autorizzazioni o di nulla osta tecnico-sanitari per attivitā soggette a controllo. Nell'āmbito dell'esercizio della professione, essi istruiscono, determinano, contestano e notificano le irregolaritā rilevate e formulano pareri nell'āmbito delle loro competenze; vigilano e controllano gli ambienti di vita e di lavoro e valutano la necessitā di effettuare accertamenti ed inchieste per infortuni e malattie professionali; vigilano e controllano la rispondenza delle strutture e degli ambienti in relazione alle attivitā ad esse connesse e le condizioni di sicurezza degli impianti; vigilano e controllano la qualitā degli alimenti e bevande destinati all'alimentazione dalla produzione al consumo e valutano la necessitā di procedere a successive indagini specialistiche; vigilano e controllano l'igiene e sanitā veterinaria, nell'āmbito delle loro competenze, e valutano la necessitā di procedere a successive indagini; vigilano e controllano i prodotti cosmetici; collaborano con l'amministrazione giudiziaria per indagini sui reati contro il patrimonio ambientale, sulle condizioni di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro e sugli alimenti; vigilano e controllano quant'altro previsto da leggi e regolamenti in materia di prevenzione sanitaria e ambientale, nell'āmbito delle loro competenze; svolgono con autonomia tecnico professionale le loro attivitā e collaborano con altre figure professionali all'attivitā di programmazione e di organizzazione del lavoro della struttura in cui operano; sono responsabili dell'organizzazione della pianificazione, dell'esecuzione e della qualitā degli atti svolti nell'esercizio della loro attivitā professionale; partecipano ad attivitā di studio, didattica e consulenza professionale nei servizi sanitari e nei luoghi dove č richiesta la loro competenza professionale; contribuiscono alla formazione del personale e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca; svolgono la loro attivitā professionale, in regime di dipendenza o libero-professionale, nell'āmbito del servizio sanitario nazionale, presso tutti i servizi di prevenzione, controllo e vigilanza previsti dalla normativa vigente.
Nell'āmbito della professione sanitaria dell'assistente sanitario, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanitā 17 gennaio 1997, n. 69 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono addetti alla prevenzione, alla promozione ed all'educazione per la salute. L'attivitā dei laureati in assistenza sanitaria č rivolta alla persona, alla famiglia e alla collettivitā. Essi individuano i bisogni di salute e le prioritā di intervento preventivo, educativo e di recupero; identificano i bisogni di salute sulla base dei dati epidemiologici e socio-culturali; individuano i fattori biologici e sociali di rischio e sono responsabile dell'attuazione e della soluzione e degli interventi che rientrano nell'āmbito delle loro competenze; progettano, programmano, attuano e valutano gli interventi di educazione alla salute in tutte le fasi della vita della persona; collaborano alla definizione delle metodologie di comunicazione, ai programmi ed a campagne per la promozione e l'educazione sanitaria; concorrono alla formazione e all'aggiornamento degli operatori sanitari e scolastici per quanto concerne la metodologia dell'educazione sanitaria; intervengono nei programmi di pianificazione familiare e di educazione sanitaria, sessuale e socio-affettiva; attuano interventi specifici di sostegno alla famiglia, attivano risorse di rete anche in collaborazione con i medici di medicina generale ed altri operatori sul territorio e partecipano ai programmi di terapia per la famiglia; sorvegliano, per quanto di loro competenza, le condizioni igienico-sanitarie nelle famiglie, nelle scuole e nelle comunitā assistite e controllano l'igiene dell'ambiente e del rischio infettivo; relazionano e verbalizzano alle autoritā competenti e propongono soluzioni operative; operano nell'āmbito dei centri congiuntamente o in alternativa con i servizi di educazione alla salute, negli uffici di relazione con il pubblico; collaborano, per quanto di loro competenza, agli interventi di promozione ed educazione alla salute nelle scuole; partecipano alle iniziative di valutazione e miglioramento alla qualitā delle prestazioni dei servizi sanitari rilevando, in particolare, i livelli di gradimento da parte degli utenti; concorrono alle iniziative dirette alla tutela dei diritti dei cittadini con particolare riferimento alla promozione della salute; partecipano alle attivitā organizzate in forma dipartimentale, sia distrettuali che ospedaliere, con funzioni di raccordo interprofessionale, con particolare riguardo ai dipartimenti destinati a dare attuazione ai progetti-obiettivo individuati dalla programmazione sanitaria nazionale, regionale e locale; svolgono le loro funzioni con autonomia professionale anche mediante l'uso di tecniche e strumenti specifici; svolgono attivitā didattico-formativa e di consulenza nei servizi, ove richiesta la loro competenza professionale; agiscono sia individualmente sia in collaborazione con altri operatori sanitari, sociali e scolastici, avvalendosi, ove necessario, dell'opera del personale di supporto; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale; svolgono la loro attivitā professionale in strutture, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Negli ordinamenti didattici delle classi di laurea deve essere prevista l'attivitā didattica in materia di radioprotezione secondo i contenuti di cui all'allegato IV del decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 187.

Attivitā formative indispensabili

Attivitā formative Ambiti disciplinari Settori scientifico- disciplinari CFU Tot.
CFU
Di base Scienze propedeutiche 18
BIO/01 - Botanica generale
BIO/07 - Ecologia
CHIM/03 - Chimica generale e inorganica
CHIM/06 - Chimica organica
FIS/07 - Fisica applicata (a beni culturali, ambientali,
biologia e medicina)
INF/01- Informatica
ING-INF/02 - Campi elettromagnetici
M-DEA/01 - Discipline demoetnoantropologiche
M-PSI/01 - Psicologia generale
MAT/04 - Matematiche complementari
MED/01 - Statistica medica
Scienze biomediche
BIO/09 - Fisiologia
BIO/10 - Biochimica
BIO112 - Biochimica clinica e biologia molecolare
clinica
BIO/13 - Biologia applicata
BIO/16 - Anatomia umana
BIO/17 - Istologia
MED/04 - Patologia generale
MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica
Caratterizzanti Scienze della prevenzione 53
nell'ambiente e nei luoghi AGR/15 - Scienze e tecnologie alimentari
di lavoro BIO/03 - Botanica ambientale e applicata
CHIM/08 - Chimica farmaceutica
CHIM/09 - Farmaceutico tecnologico applicativo
CHIM/10 - Chimica degli alimenti
CHIM/12 - Chimica dell'ambiente e dei beni culturali
ICAR/13 - Disegno industriale
ICAR/17 - Disegno
ING-IND/09 - Sistemi per l'energia e l'ambiente
ING-IND/10 - Fisica tecnica industriale
ING-IND/11 - Fisica tecnica ambientale
ING-IND/25 - Impianti chimici
ING-INF/02 - Campi elettromagnetici
IUS/16 - Diritto processuale penale
IUS/17 - Diritto penale
MED/42 - Igiene generale e applicata
SPS/10 - Sociologia dell'ambiente e del territorio
VET/04 - Ispezione degli alimenti di origine animale
Scienze dell'assistenza
sanitaria M-PSI/05 - Psicologia sociale
M-PSI/08 - Psicologia clinica
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche
neuropsichiatriche e riabilitative
MED/49 - Scienze tecniche dietetiche applicate
SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e
comunicativi
SPS/10 - Sociologia dell'ambiente e del territorio
Scienze medico-
chirurgiche BIO/14 - Farmacologia
MED105 - Patologia clinica
MED/08 - Anatomia patologica
MED/09 - Medicina interna
MED/17 - Malattie infettive
MED/18 - Chirurgia generale
MED/33 - Malattie apparato locomotore
MED/38 - Pediatria generale e specialistica
Scienze della prevenzione
e dei servizi sanitari BIO/12 - Biochimica clinica e biologia molecolare
clinica
M-EDF/01 - Metodi e didattiche delle attivitā motorie
MED/36 - Diagnostica per immagini e radioterapia
MED/37 - Neuroradiologia
MED/42 - Igiene generale e applicata
MED/43 - Medicina legale
MED/44 - Medicina del lavoro
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
MED/50 - Scienze tecniche mediche e applicate
Primo soccorso
BIO/14 - Farmacologia
MED/09 - Medicina interna
MED/18 - Chirurgia generale
MED/41 - Anestesiologia
MED/45 - Scienze infermieristiche generali, cliniche e
pediatriche
Affini o integrative Scienze interdisciplinari 18
cliniche MED/03 - Genetica medica
MED/06 - Oncologia medica
MED/10 - Malattie dell'apparato respiratorio
MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
MED/12 - Gastroenterologia
MED/13 - Endocrinologia
MED/14 - Nefrologia
MED/15 - Malattie del sangue
MED/16 - Reumatologia
MED/19 - Chirurgia plastica
MED/20 - Chirurgia pediatrica e infantile
MED/21 - Chirurgia toracica
MED/22 - Chirurgia vascolare
MED/23 - Chirurgia cardiaca
MED/24 - Urologia
MED/25 - Psichiatria
MED/26 - Neurologia
MED/27 - Neurochirurgia
MED/28 - Malattie odontostomatologiche
MED/30 - Malattie apparato visivo
MED/31 - Otorinolaringoiatria
MED/32 - Audiologia
MED/34 - Medicina fisica e riabilitativa
MED/35 - Malattie cutanee e veneree
MED/39 - Neuropsichiatria infantile
MED/40 - Ginecologia e ostetricia
MED/41 - Anestesiologia
MED/44 - Medicina del lavoro
Scienze umane e
psicopedagogiche M-FIL/02 - Logica e filosofia della scienza
M-FIL/03 - Filosofia morale
M-PED/01 - Pedagogia generale e sociale
M-PED/03 - Didattica e pedagogia speciale
M-PSI/01 - Psicologia generale
M-PSI/03 - Psicometria
M-PSI/04 - Psicologia dello sviluppo e psicologia
dell'educazione
MED/02 - Storia della medicina
SPS/07 - Sociologia generale
Scienze del management
sanitario IUS/07 - Diritto del lavoro
IUS/09 - Istituzioni di diritto pubblico
M-PSI/06 - Psicologia del lavoro e delle
organizzazioni
SECS-P/06 - Economia applicata
SECS-P/07 - Economia aziendale
SECS-P/10 - Organizzazione aziendale
SPS/09 - Sociologia dei processi economici e del
lavoro
Scienze interdisciplinari
CHIM/07 - Fondamenti chimici delle tecnologie
ICAR/03 - Ingegneria sanitaria - ambientale
ICAR/20 - Tecnica e pianificazione urbanistica
ING-IND/33 - Sistemi elettrici per l'energia
ING-INF/05 - Sistemi di elaborazione delle
informazioni
ING-INF/06 - Bioingegneria elettronica e informatica
SECS-S/02 - Statistica per la ricerca sperimentale e
tecnologica
SECS-S/05 - Statistica sociale
VET/04 - Ispezione degli alimenti di origine animale

Attivitā formative Tipologie

A scelta dello studente 9

Per la prova finale e per la Prova finale 11
conoscenza della lingua
straniera Lingua straniera

Altre (art. 10, comma 1, Ulteriori conoscenze linguistiche, abilitā informatiche e relazioni, tirocini, etc. 9
lettera f)
TOTALE 118



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamoâ€Ļ https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡ī¸ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico