1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 

Comunicato

 

  
Si è svolto venerdì 20 u.s, il primo incontro tecnico tra l'Amministrazione e le OO.SS rappresentative degli Enti Pubblici non Economici e della Ricerca.
L'incontro ha avuto come Ordine del Giorno il nuovo modello organizzativo dell'Ente quale presupposto per addivenire alla rideterminazione della dotazione organica ai sensi della Legge 148/2011, ancora non effettuata sebbene avesse scadenza entro il 30 marzo u.s., e per rispondere alle esigenze di razionalizzazione derivanti dall'incorporazioni degli Enti soppressi e di concreta realizzazione del Polo Salute e Sicurezza, in coerenza con le "Linee guida per la realizzazione dell'assetto organizzativo per l'integrazione" (approvate dal Commissario Straordinario con determina n. 110/2012).
Tenuto conto che il recente D.L. n. 95/2012 (c.d. Spending Review) ha previsto ulteriori consistenti riduzioni delle dotazioni organiche della Pubbliche Amministrazioni, secondo percentuali indicate in via orientativa da tale provvedimento, le cui misure puntuali saranno determinate a seguito dell'emanazione di uno o più Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, mediante un meccanismo selettivo indicato nel comma 5 del medesimo articolo, è stata sottolineata, da parte dell'Amministrazione,  l'urgenza di procedere tempestivamente alla rideterminazione delle dotazioni organiche di cui al comma precedente, in maniera tale da consentire all'Istituto di attivarsi in tempo utile presso i competenti Ministeri al fine di rappresentare la situazione dell'Ente e di limitare al massimo l'impatto degli ulteriori obiettivi di riduzione previsti dal predetto Decreto sulla spending review.
Durante l'incontro sono state forniti, da parte dell'Amministrazione, le diverse chiavi di lettura e i criteri seguiti nella stesura della bozza di Nota Tecnica per i diversi profili ed aree professionali. Il primo fra tutti, che ha contraddistinto anche le precedenti razionalizzazioni poste in essere nel passato, è stato quello della considerazione delle uscite del personale legato alla maturazione dei requisiti per il pensionamento. Ciò spiega la parte finale della Nota che individua la previsione del completo assorbimento degli esuberi di personale determinatisi a seguito dell'attuale rideterminazione del fabbisogno dell'Ente entro 12/18 mesi dall'entrata in vigore dello stesso. In attesa della quantificazione corretta (perché effettuata dall'Amministrazione per difetto) del personale che ha maturato il diritto al trattamento pensionistico con i requisiti introdotti dalla Riforma Fornero, tenuto conto delle indicazioni interpretative fornite dal Dipartimento della Funzione Pubblica con circolare n. 2/2012,  di concerto con gli Enti Previdenziali chiamati a "ricostruire" le posizioni contributive più complesse. 
Dall'analisi del testo sono emersi punti ed aspetti che secondo la nostra Organizzazione Sindacale vedrebbero la necessità di uno o più correttivi e approfondimenti rispetto alle previsioni fatte. Se tagli devono essere fatti (su queste politiche le nostre contrarietà sono note da tempo e dimostrate con numerose manifestazioni e iniziative di protesta) almeno le modalità ovvero le criticità sulle quali intervenire potrebbero, secondo noi, essere rimodulate e ripensate in modo da dar vita ad un Modello Organizzativo con una visione a medio-lungo termine non già uno step vincolato alla normativa attuale da rispettare.
Crediamo che l'occasione sia proficua per un ripensamento di quali sono gli obiettivi e le funzioni che l'Ente vuole perseguire nell'ottica del ruolo che riveste nello Stato Sociale, dei servizi erogati e delle funzioni acquisite dagli accorpamenti con gli Enti soppressi che, per altro, ben si integrano con l'assetto e le finalità istituzionali di I.N.A.I.L.
Data l'importanza dei temi trattati,  dell'impegno che intendiamo portare avanti,  della disponibilità  dell'Amministrazione e dato il contesto socio-economico e politico sicuramente auspicabilmente diverso rispetto al passato,  si sollecita l'invio di quanti più contributi possibili; al fine di redigere un documento costruttivo, critico ma con ipotesi concrete di correttivi da proporre all'Amministrazione nel prossimo incontro tecnico previsto per il 12 settembre p.v..
Sarà anche l'occasione per valutare la reale volontà di confronto da parte dell'Amministrazione su un tema particolarmente delicato che, se non correttamente affrontato, metterà ulteriormente in discussione i servizi erogati dall'Istituto, già messi a dura prova dai continui penalizzanti interventi già effettuati dal Governo precedente, oltre ad aumentare le preoccupazioni dei lavoratori dell'Inail sul loro futuro.
Roma, 24 luglio 2012
 
                                            COORDINAMENTO NAZIONALE
                                                       FP CGIL INAIL
 




 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico