1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 

O.D.G. U.T. - continuano a svolgersi le assemblee del personale di adesione allo stato di agitazione

 

MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITA' E RICERCA
 
FACCIAMO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE
 

In molti dei nostri Uffici territoriali continuano a svolgersi le assemblee del personale di adesione allo stato di agitazione proclamato da tutte le Organizzazioni Sindacali del Ministero (vi alleghiamo gli ultimi o.d.g. pervenuti). 
 
Che cosa chiedono lavoratori e sindacati del MIUR al Ministro?
di salvaguardare il diritto ad una istruzione pubblica e di qualità per tutti attraverso la presenza di presidi statali sul territorio che garantiscano pari opportunità a milioni di utenti; di non lasciare (come avvenuto per Università e Sanità) mano libera alla politica sulle scuole;di evitare che i dirigenti scolastici possano decidere chi deve insegnare e chi no;di non usare una questione importante e delicata quale quella degli equilibri tra Stato e Regioni sull'istruzione per fare cassa, tagliando uffici e personale pubblico;di non firmare la bozza Stato Regioni così com'è e di discutere con le organizzazioni Sindacali soluzioni per salvaguardare il servizio, la professionalità e i posti di lavoro. 

La bozza prevede il passaggio alle Regioni  entro giugno 2013 di funzioni risorse e personale del MIUR, ma nel documento non si esplicitano quali funzioni dovrebbero transitare, non c'è alcun accenno a quelle svolte nei nostri Uffici e che dovrebbero già essere passate alle istituzioni scolastiche, non è prevista alcuna tutela per il personale. 
 
Intanto, entro ottobre andrà nuovamente ridotto l'organico del 10% e il numero degli uffici dirigenziali del 20%. Il taglio, viste le forti carenze di organico, non dovrebbe comportare esuberi al MIUR
 
Ma che accadrà del nostro personale quando si metterà mano alla riduzione delle province?
E una volta avviata l'applicazione del Titolo V con la sottoscrizione della bozza in questione quali garanzie abbiamo che le Regioni assorbiranno tutto il personale del MIUR?  
 
Tali problematiche meriterebbero da parte del Ministro una maggiore attenzione. Ma non vediamo alcuna disponibilità al confronto.
Pensiamo che dietro questo "silenzio" si nascondano difficoltà a fornire risposte concrete e indifferenza sulla sorte delle persone. In fondo si firmerebbe un accordo che passa alle Regioni il compito molto probabile di procedere ai tagli degli eventuali esuberi.
 

Anche al MIUR assistiamo allo smantellamento di pezzi di servizio pubblico, mascherati da razionalizzazione della spesa.
Allo stato di agitazione dovremo sicuramente far seguire, insieme a tutte le lavoratrici e ai lavoratori pubblici, ulteriori iniziative fino allo sciopero di tutto il settore pubblico, peraltro già proclamato per settembre dalla FP CGIL e dalla UIL PA.
                                                                                                           
Roma, 30 luglio 2012


                       FP CGIL MIUR
                      Angelo Boccuni


 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico