1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Io Lavoro Pubblico

 
 
Consulta On line.
 
 

 
 
Esperto risponde.
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 
Rassegna stampa.
 
Contenuto della pagina

La protesta delle lavoratrici e dei lavoratori Inps e Inail prosegue

Volantinaggio e informazione ai cittadini in tutte le sedi di lavoro.

 
Foto Manifestazione nazionale INPS INAIL 15 novembre 2012
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INPS e INAIL: 15 novembre 2012 Manifestazione Nazionale
INPS e INAIL: 15 novembre 2012 Manifestazione Nazionale e Presidio a Roma a Piazza Montecitorio

 
Il governo insiste nella sua volontà di procedere, con la legge di stabilità, al taglio delle risorse necessarie al funzionamento di amministrazioni strategiche per il paese come l'Inps e l'Inail.

Dopo la riconferma della spending review che prevede per i due Enti un taglio di 5.500 posti di lavoro, si prevede e si insiste sul taglio anche delle retribuzioni imponendo la riduzione dei fondi art.18 della legge 88 del 1989.

Si tratta di scelte che, a nostro giudizio, determineranno anche un peggioramento drammatico della qualità dei servizi offerti, a partire dalla chiusura obbligata di servizi ed uffici e lo smantellamento di strumenti incentivanti che hanno prodotto, in questi anni, il raggiungimento di importanti livelli di efficacia ed efficienza dei servizi stessi.

Tutto ciò non è più sopportabile e abbiamo da subito lanciato una mobilitazione nazionale e diffusa su tutto il territorio nazionale, con assemblee e presidi e chiusure quotidiane di uffici e servizi.

Si rende necessario - in concomitanza con l'inizio del dibattito parlamentare - far compiere alla mobilitazione un salto di qualità:
 
 - contro la legge di stabilità
 - contro l'ennesimo scippo di salari e di diritti
 - contro la riduzione di occupazione e di servizi previste dalla "spending review" del Governo

Per l'innovazione e il rilancio di Enti che garantiscono il pagamento delle pensioni e la prevenzione degli infortuni sul lavoro, piaga che pone l'Italia agli ultimi posti fra i paesi industrializzati.

Con queste motivazioni e, considerata la gravità delle conseguenze che i provvedimenti del governo stanno già producendo e minacciano di produrre in futuro, invitiamo tutte le lavoratrici e i lavoratori a prendere parte alla
 
                    MANIFESTAZIONE NAZIONALE E PRESIDIO A ROMA
                     delle lavoratrici e dei lavoratori INPS e INAIL
                             PIAZZA MONTECITORIO - ore 10,30


 
 
Inps, Inail: il 12 assemblee in tutta Italia, il 15 a Roma in Piazza Montecitorio. Continua la mobilitazione dei lavoratori contro i tagli a servizi e organici


"Il Governo, con la legge di stabilità, procede al taglio delle risorse necessarie al funzionamento di amministrazioni strategiche per il Paese come l'Inps e l'Inail. Dopo la riconferma della spending review, che prevede per i due Enti un taglio di 5.500 posti di lavoro, si colpiscono anche le retribuzioni". Queste le ragioni della protesta che da settimane i lavoratori portano avanti e che continuerà nella prossima settimana con le iniziative unitarie promosse da Fp-Cgil, Uil-Pa e Fialp-Cisal: il 12 novembre con assemblee del personale in tutta Italia, il 15 con un presidio nazionale di fronte al Parlamento, in Piazza Montecitorio a Roma.

"Scelte - si legge in una nota unitaria delle tre organizzazioni sindacali - che determineranno un peggioramento drammatico della qualità dei servizi offerti, a partire dalla chiusura obbligata di uffici e dallo smantellamento di strumenti incentivanti che hanno prodotto in questi anni il raggiungimento di importanti livelli di efficacia ed efficienza".

Una mobilitazione in difesa dei servizi offerti e della dignità del lavoro, dell'occupazione e del salario, "per l'innovazione e il rilancio di Enti che garantiscono il pagamento delle pensioni e la prevenzione degli infortuni sul lavoro, piaga che pone l'Italia agli ultimi posti fra i paesi industrializzati".

Roma, 9 novembre 2012  

INPS, INAIL: VERSO IL PRESIDIO NAZIONALE DAVANTI AL PARLAMENTO.
 

 
12/11/12: Assemblee
Regionali/Provinciali delle lavoratrici e dei lavoratori dell'INPS e dell'INAIL

Contro l'ennesimo scippo di salari e diritti FP CGIL, UILPA e FIALP CISAL convocano Assemblee Regionali o Provinciali in preparazione del grande presidio nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori INPS e INAIL davanti al Parlamento nella giornata in cui andrà in discussione il ddl di stabilità.

La mobilitazione fin qui messa in campo da Cgil Uil e Cisal ha prodotto una serie di emendamenti presentati nelle varie Commissioni che tendono ad eliminare il riferimento all'art.18 presente nell'art. 4 del Ddl, e spinto i vertici dell'Amministrazione a sostenere presso i Ministeri del Lavoro e dell'Economia l'inopportunità di ulteriori tagli alla spesa corrente degli Istituti.

Noi non ci fermeremo fino a quando non avremo la certezza che nessun risparmio venga fatto pesare - ancora una volta - sulle spalle dei lavoratori.

Le assemblee si terranno Lunedì 12 novembre in un arco di tempo che va dalle 10 a fine turno.

VERSO IL PRESIDIO NAZIONALE DAVANTI AL PARLAMENTO CONTRO LA LEGGE DI STABILITA'

FP CGIL Salvatore Chiaramonte
UIL PA Enrico Matteo Ponti
FIALP CISAL Davide Velardi

 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico