1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

NEWS

Lettera aperta: Curare e non custodire, chiudere gli Opg e assistere i detenuti

 Roma, 28 Maggio 2013 

Al Ministro della Salute
Beatrice Lorenzin
 
Al Ministro della Giustizia
Annamaria Cancellieri 

Ai componenti della
Commissione Affari Sociali
Camera dei Deputati 

Ai Componenti della
Commissione Igiene e Sanità
Senato della Repubblica 

Ai componenti della
Commissione Giustizia
Camera dei Deputati 

Ai Componenti della
Commissione Giustizia
Senato della Repubblica 

Ai Presidenti delle Regioni 

Agli Assessori Regionali alla Sanità

 
Lettera aperta 
 
Curare e non custodire
chiudere gli Opg e assistere i detenuti

La legge sulla chiusura degli Opg può finalmente mettere la parola fine alla storia drammatica dei manicomi criminali, restituendo la soggettività e la dignità ad oltre mille persone spesso lasciate in condizioni di abbandono inaccettabili per un paese civile. 

Ma la strada che va verso l'apertura di strutture speciali (mini Opg) in ogni regione, affidando una responsabilità detentiva ai Dipartimenti di Salute Mentale, rischia di essere una bomba ad orologeria che può far saltare gli stessi principi della legge 180. 

Chi soffre di disturbi psichiatrici non è pericoloso per sé e/o per gli altri ma può esserlo così come chi non soffre di disturbi psichiatrici.
 
L'affidamento della responsabilità detentiva ai dipartimenti di salute mentale di chi ha commesso un reato, ed è stato giudicato dal magistrato socialmente pericoloso, stravolge questo concetto e riporta la logica manicomiale nella salute mentale. 

Si affermerà il concetto che la violenza è causata dai disturbi psichiatrici e il compito dello psichiatra e degli operatori dei Dipartimenti di Salute Mentale ritornerà ad essere il controllo sociale. 

Curare ridiventerà custodire, quindi strutture chiuse e mini Opg. Chiunque sarà giudicato violento e con disagio psichico dovrà essere contenuto nei presidi psichiatrici.  

Questo si inquadra in un cambiamento pericoloso della giurisprudenza degli ultimi anni tesa a colpevolizzare gli psichiatri e gli infermieri quando un paziente seguito da un servizio commette un reato, anche se è stato seguito con prudenza, diligenza e perizia. Scambiando già oggi il mandato della cura con quello della custodia.
 
Le normative nazionali e regionali devono pertanto chiarire la posizione di garanzia degli psichiatri e di tutto il personale sanitario, che devono avere compiti di cura e non di custodia/controllo. Così come devono essere esplicitate le diverse responsabilità in merito alle funzioni sanitarie e alle funzioni detentive.
 
Non si deve poter più stare rinchiusi in Opg (o in mini Opg) a prescindere dalle condizioni cliniche  e dei reati commessi e le risposte alternative devono essere diversificate.
 
Per chi soffre di disturbi psichiatrici ed ha commesso reati lievi c'è bisogno di programmi riabilitativi e di reinserimento sociale, andando oltre le nuove strutture speciali, che comunque, se portate avanti, dovranno avere un clima comunitario e non detentivo.  

Così come per altri casi, a partire da chi ha commesso gravi crimini, il programma riabilitativo-terapeutico si dovrebbe portare avanti all'interno dell'istituzione carceraria,  privilegiando quando e se possibile misure alternative alla detenzione. 

Ma il definitivo superamento della logica manicomiale non può prescindere dalla modifica del codice penale.
 
Per questo chiediamo l'imputabilità del paziente psichiatrico autore di reato, unita a percorsi di cura differenziati in base alla gravità dei reati e alle condizioni cliniche e sociali. 

Con risposte che possono andare dal carcere ai servizi comunitari territoriali, fino ad arrivare alle abitazioni assistite. 

Chiediamo, inoltre, che venga affrontato il tema ancor più generale, con l'intervento dei Dipartimenti di Salute Mentale, della salute mentale in carcere, le cui condizioni di degrado e di violazione dei diritti dei cittadini detenuti denunciate anche dal Comitato Europeo per la prevenzione della tortura non sono più accettabili. E dove serve potenziare decisamente le misure alternative alla detenzione, tanto più necessarie per attuare percorsi di cura e riabilitazione.  

Infine con il nostro appello - confermiamo il pieno sostegno alla campagna di StopOpg -  e chiediamo di fermare la deriva dei servizi pubblici di salute mentale, senza più personale per garantire i livelli essenziali di assistenza (indicato nei Lea con almeno un operatore ogni 1500 abitanti) e senza più risorse adeguate, che dovrebbero arrivare ad almeno il 5% dei fondi sanitari regionali.

  

             Cecilia Taranto                                                Massimo Cozza
       segretaria Nazionale Fp Cgil                   Segretario Nazionale Fp Cgil Medici

 



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. RT @FPCGILER: È importante esserci per non dimenticare #stragediBologna #2agosto1980 https://t.co/LB1RN1OJh3... 13 ore fa 02/08/2021 10:17 1422109320590811136
  2. ? ?????? ?????????? ????: ????? ???????????? ? Oggi #29luglio dalle 16 in diretta su https://t.co/dBUZk56pYX c'è… https://t.co/NMqV53aICo... 4 giorni fa 29/07/2021 11:35 1420679238655565826
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico