1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

News

INAIL - Nuovo Modello Organizzativo

Nella giornata del 3 luglio u.s. si è svolto il secondo incontro tecnico con l'Amministrazione sul Nuovo Modello Organizzativo.
 
Nell'illustrarci il nuovo documento,  con poche modifiche formali, l'Amministrazione - avendo la necessità,  entro il 22 luglio 2013  di procedere all'approvazione del nuovo Regolamento di Organizzazione - ha proposto di limitare la discussione sul nuovo assetto della Direzione Generale,  Direzioni Regionali in termini di posizioni dirigenziali ed al declassamento delle Sedi di tipo A a Sedi di tipo B, rinviando successivamente la discussione sulle varie riclassificazioni e/o soppressioni delle Sedi Locali.
 
A tale proposito ci è stato comunicato che sulla proposta del Nuovo Modello Organizzativo sono stati coinvolti i Direttori Regionali - ci stupisce il fatto che avvenga solo oggi - che avranno la possibilità di proporre modifiche ed integrazioni.  
 
Per quanto riguarda i criteri posti alla base delle sopra menzionate  riclassificazioni e/o soppressioni - chiesti nel precedente incontro - l'Amministrazione ha illustrato gli indicatori considerati (numero di PAT, di infortuni, Rendite) - di cui ci fornirà quanto prima la documentazione - tenendo, comunque, presente l'impatto che le stesse determineranno sulle "Sedi riceventi".
 
La FP CGIL INAIL ha ribadito che per i criteri da prendere in considerazione non basta tener presente gli aspetti meramente numerici, in quanto, sostiene la necessità di misurare tutte quelle lavorazioni sempre più pressanti, quali ad esempio il DURC, l'amianto, le Malattie Professionali, ecc., che gravano sempre di più sulle incombenze delle Strutture territoriali, inoltre, a nostro avviso, è necessario valutare  attentamente gli aspetti legati alla effettiva fruibilità della struttura territoriale di riferimento (trasporti, viabilità, ecc..) nonché l'impatto sociale che un simile arretramento può determinare.
 
Si è sottolineata, altresì, la necessità di conoscere in che modo sarà effettuata l'integrazione, sia delle competenze che del personale del settore navigazione (ex IPSEMA); in che modo l'Amministrazione, intende procedere alla formazione di tale personale e quali interventi formativi saranno predisposti per i colleghi dell'INAIL che, in particolar modo sul territorio, dovranno occuparsi di una nuova utenza: i marittimi.
 
Restiamo in attesa che l'Amministrazione ci fornisca la nuova documentazione e ci comunichi se proseguire la discussione in sede tecnica ovvero in sede politica e, pertanto vi terremo informati sugli ulteriori sviluppi.
 

Roma, 4 luglio 2013
                                                        IL COORDINATORE NAZIONALE
                                                                     FP CGIL INAIL
                                                                     Roberto Morelli


 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico