1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

4 Aprile 2014: Manifestazione della CES a Bruxelles

Cinquantamila persone per dire basta all'austerità!

Circa 50mila persone sono scese in piazza a Bruxelles per protestare contro le misure di austerità in Europa. Una manifestazione organizzata dalla Confederazione europea dei sindacati.

"Il nostro messaggio - ha spiegato la segretaria generale Ces, Bernadette Segol - è semplice ma i responsabili europei non lo vogliono sentire. Le loro politiche in risposta alla crisi finanziaria non bastano e hanno aggravato la crisi sociale ed economica. L'austerita' non funziona". I sindacati europei denunciano: oltre 26 milioni di cittadini Ue sono senza lavoro, 10 milioni in più rispetto al 2008 e la situazione dei giovani è anche più grave, con 7,5 milioni di disoccupati di meno di 25 anni: il rischio, ha detto Segol, è quello di "perdere una generazione". 

"Misure d'austerità = povertà insostenibile", "Persone, non profitto" scandivano gli striscioni tra le bandiere di Grecia, Portogallo, Spagna, Cipro e Italia ma anche di Germania, Belgio, Finlandia, Svezia, Lussemburgo, Polonia, Romania, Bulgaria e Gran Bretagna.

I sindacati chiedono investimenti pari al 2% del pil europeo per i prossimi dieci anni in ricerca, formazione, infrastrutture che portino a occupazione di qualità, oltre a un salario minimo europeo, un corretto finanziamento dei servizi pubblici, servizi sociali rafforzati e una fiscalità più equa. "Vogliamo investire per l'avvenire dell'Europa, per la nostra Europa, e prima che non sia troppo tardi - ha ammonito Segol - l'Europa deve prendere un'altra direzione".

Alla manifestazione hanno aderito anche i sindacati italiani Cgil, Cisl e Uil.

La Funione Pubblica CGIL ha partecipato con una delegazione nazionale e delegazioni regionali guidate dalla Segretaria generale Rossana Dettori. Abbiamo partecipato anche al blocco EPSU dove hanno sfilato decine di sindacaliste e sindacalisti in rappresentanza dei sindacati dei servizi pubblici in Europa.

 
 

fight


I partecipanti hanno espresso la loro opposizione anche al social dumping. Le proteste hanno paralizzato il traffico nella capitale belga, oltre a provocare la chiusura dell'ambasciata degli Stati Uniti dove l'ambasciatore degli Usa in Europa, Anthony L. Gardner, stava conducendo una riunione con i giornalisti. Lo staff dell'ambasciata ha detto che si tratta della prima chiusura che ricordavano da anni. Vicino alla sede dell'Ue operatori portuali delle città di Anversa e Gand si sono scontrati con poliziotti antisommossa.

28 i feriti negli scontri che si sono verificati tra la polizia e i manifestanti. Gli agenti hanno usato cannoni ad acqua e spray al peperoncino contro un gruppo di dimostranti che ha lanciato pietre, arance e petardi. 

La polizia ha fatto sapere che un manifestante è rimasto ferito quando una pietra che stava cercando di lanciare gli è caduta sulla testa. I giornalisti di Associated Press hanno visto diverse persone ferite, incluso un poliziotto apparentemente colpito da un sasso. (7.4.2014)


 
CGIL CISL UIL

epsu

FP CGIL


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico