1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Io Lavoro Pubblico

 
 
Consulta On line.
 
 

 
 
Esperto risponde.
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 
Rassegna stampa.
 
Contenuto della pagina

Notizie

Subito una nuova governance per l'INPS nell'interesse dei cittadini e dei lavoratori

 

A seguito del vuoto istituzionale venutosi in questi giorni a determinate, anche la politica e il sistema dell'informazione sembrano essersi accorti che il più grande Ente previdenziale del Paese continua ad avere moltissimi problemi da risolvere.

 

CGIL, CISL e UIL di categoria evidenziano la necessità di un cambiamento radicale nelle strategie di Ente sin dal dicembre del 2011, ovvero da quando il legislatore ha deciso la soppressione e l'incorporazione di INPDAP ed ENPALS in INPS.

 

Abbiamo chiesto, sin dall'inizio, di poterci confrontare su un concreto Piano Industriale che delineasse il nuovo assetto dei servizi ai cittadini e alle imprese, i conseguenti obiettivi strategici e le misure organizzative per attuarli, un piano straordinario di valorizzazione del ruolo e della professionalità dei lavoratori che tali obiettivi e servizi devono assicurare.

 

Le risposte dell'Ente sono spesso state insoddisfacenti e tra loro contraddittorie. Infatti, mentre, da un lato, non si è ancora pervenuti alla definizione di un progetto organico di sviluppo dell'Ente, dall'altro, si è dato avvio, in attuazione della spending review, a decisi interventi di taglio lineare alle risorse economiche e funzionali.

 

Il Governo prenda finalmente atto della grave situazione che nel tempo si è venuta a determinare e individui subito un commissario cui affidare il compito di guidare l'INPS verso un nuovo modello di governance in grado, fra l'altro, di assicurare maggiori livelli di partecipazione a lavoratori e imprese e di rendere più brevi i tempi di perfezionamento dei processi decisionali.

Il più grande Ente del Welfare del Paese non può restare senza il pieno funzionamento dei suoi organi.

 

Pensionati, lavoratori e imprese si aspettano che l'INPS continui ad assicurare loro risposte adeguate e non hanno di certo bisogno che si diffondano voci su presunti nuovi tagli alle retribuzioni o su nuove riduzioni del personale dell'Istituto.

CGIL CISL UIL che, nel recente passato, hanno già chiamato i lavoratori dell'INPS alla mobilitazione per contrastare i ripetuti attacchi alle loro condizioni professionali e retributive, ribadiscono sin d'ora al Governo la loro volontà di continuare a diciamo sin d'ora difenderne, con tutta la necessaria determinazione, dignità e impegno.

Al Governo chiediamo l'immediata assunzione di atti adeguati alla gravità dei problemi, un vero coinvolgimento delle OO.SS sul futuro dell'INPS, un investimento sui servizi e sui lavoratori che ne hanno sinora reso possibile l'erogazione, con qualità ed efficacia da tutti riconosciute.

 

Roma, 10 febbraio 2014

 
FP CGIL
S. Chiaramonte
CISL FP
D. Volpato
UIL PA
E.M. Ponti
 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico