1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 
Ministero Salute smentisce presidente Cri: nessun atto senza decreto. Cgil Cisl Uil Cisal: "Sospendere subito applicazione nuovi contratti"
 
 

COMUNICATO STAMPA FP-CGIL CISL-FP UIL-PA FIALP-CISAL

Croce Rossa Italiana, centinaia di lavoratori alla manifestazione nazionale a Roma


Il Ministero della Salute smentisce il presidente Cri: nessun atto senza decreto interministeriale
Cgil Cisl Uil Cisal: "Sospendere subito l'applicazione dei nuovi contratti"


Roma, 4 aprile 2014

Centinaia di lavoratori della Croce Rossa hanno manifestato questa mattina insieme a Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Pa e Fialp-Cisal di fronte al Ministero della salute per dire un secco "no" a quello che potrebbe rivelarsi il primo caso Electrolux del pubblico impiego. Vale a dire un progetto di riorganizzazione al completo ribasso, che mette a rischio posti di lavoro, retribuzioni, servizi di emergenza e soccorso.
Un importante risultato i sindacati lo ottengono nell'incontro tenutosi oggi pomeriggio: il Ministero della Salute in una lettera al presidente Cri chiarisce che il passaggio dei lavoratori al contratto Anpas può avvenire solo in seguito al decreto interministeriale. E pertanto ne sconfessa le decisioni. "Chiediamo ora - rimarcano i sindacati - la sospensione immediata dell'applicazione dei nuovi contratti e riapertura del confronto sulle norme di raccordo".
Tanta la rabbia che ha spinto la massiccia partecipazione alla protesta, soprattutto dopo che i vertici della Cri hanno disatteso gli accordi sottoscritti il 27 febbraio scorso. Per circa 300 lavoratori è già scattata la riduzione del 30% del salario, conseguente all'applicazione unilaterale del nuovo contratto Anpas, mentre la Cri continua a lucrare sulle convenzioni in essere.
Inoltre, sottolineano i sindacati, senza le previste norme di raccordo, e con il totale disimpegno della Cri nazionale, non ci sarebbe alcuna garanzia sul mantenimento dei livelli occupazionali. Condizione che preoccupa soprattutto i 1.500 lavoratori a tempo determinato, personale in servizio in media da 15-20 anni e che rappresenta quasi la metà della forza lavoro, ma non solo: dal 1°gennaio 2015 con la completa privatizzazione dell'associazione, potrebbe aprirsi lo scenario di nuovi esuberi.
Grazie alla grande mobilitazione di Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Pa e Fialp-Cisal, una delegazione dei sindacati era già stata ricevuta questa mattina al Ministero della Salute incassando l'impegno del ministro Beatrice Lorenzin, raggiunta telefonicamente a Bruxelles, a convocare i sindacati dopo il 9 aprile, cioè dopo gli stati generali della salute.
 "Lo stato di agitazione proseguirà fino a quando non avremo ottenuto una soluzione concreta - concludono le quattro sigle sindacali - e martedì si terranno assemblee a Roma e in tutta Italia per informare i lavoratori e far crescere la mobilitazione".

 
 
 
 
 
 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico