1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 
Vertenza CRI
 
 

Lo scorso 4 aprile ha rappresentato una giornata importante di mobilitazione, infatti la nostra iniziativa ha prodotto l'impegno del ministro ad un incontro con le OO.SS. e la vicenda ormai a tutti nota di un ministero che riesce a contraddirsi sullo stesso argomento nello spazio di un batter di ciglia dimostrando che è maturo il tempo dell'assunzione di responsabilità che da tempo reclamiamo.

Per il momento dal ministero non sono giunte convocazioni, siamo certi che il ministro Lorenzin non vorrà perdere la faccia e perciò rimaniamo fiduciosi, nonostante il nostro atteggiamento propositivo comunque nei prossimi giorni appronteremo le procedure necessarie per la proclamazione di uno sciopero nazionale dei lavoratori e delle lavoratrici della Croce Rossa. La riforma per essere tale non può e non deve essere finanziata con il salario e i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici. Vogliamo la salvaguardia dei posti di lavoro, la salvaguardia del reddito, la certezza per i precari.

Non vogliamo che Croce Rossa diventi il primo caso Electrolux nel pubblico impiego.

Dopo la manifestazione del 4 Aprile, dopo l'impegno del ministro e alla grottesca vicenda delle due lettere fra loro in contraddizione, il TAR del Lazio si è pronunciato su un ricorso proposto dal presidente del comitato provinciale di Caserta, statuendo in via provvisoria che le procedure per la privatizzazione dei comitati locali e provinciali dovevano avvenire a partire dal 1 gennaio 2015, come prescritto dalla legge, con tutte le conseguenze del caso anche in materia di rapporti di lavoro stipulati e in via di stipula.

Il punto è il seguente: l'ordinanza del TAR Lazio può essere superata soltanto da un pronunciamento contrario del Consiglio di Stato e fino a quel pronunciamento, se ci sarà, tutta la Croce Rossa sia a livello centrale che a livello periferico è e sarà obbligata a rispettare l'ordinanza.

A questo punto ricapitoliamo: per le convenzioni ancora in vigore non c'è nessuna ragione per aderire alle richieste dei presidenti di passare al contratto ANPAS: era vero prima dell'ordinanza del TAR è ancora più vero ora. Non c'era ragione per cedere a un ricatto odioso, ora, in attesa della convocazione da parte del ministro e con l'ordinanza del TAR è ancora più vero. Il nostro sostegno alle lavoratrici e ai lavoratori è quindi fondato anche sulle norme oggi vigenti.

Stiamo predisponendo a livello unitario ulteriori iniziative di mobilitazione e all'occorrenza legali.

 
 
 
Funzione Pubblica CGIL
Per la Segreteria Nazionale
Salvatore Chiaramonte
 
 
 

 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. ? ?????? ?????????? ????: ????? ???????????? ? #LaCuraDeiDiritti, ne parliamo in diretta Facebook giovedì #29luglio… https://t.co/aqYLzOD... ieri 27/07/2021 11:21 1419950945786634240
  2. ? AIUTIAMO CUBA CHE AIUTO' L'ITALIA! Lo scorso anno 61 medici cubani vennero in soccorso dell'Italia travolta dalla… https://t.co/csshZj4L... 5 giorni fa 23/07/2021 11:58 1418510826005278722
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico