Logo FP CGIL

www.fpcgil.it

News

Jobs Act, Agenzia ispezioni: stop decreto un bene, al Paese serve un Ente efficace

 
Comunicato stampa di Salvatore Chiaramonte
Segretario Nazionale Fp-Cgil Nazionale

 
Roma, 20 febbraio 2015
 
"L'Agenzia unica ispettiva pu˛ essere uno strumento utile per combattere in modo organizzato, efficiente e sistematico le illegalitÓ nei luoghi di lavoro. Hanno quindi fatto bene il Governo e il Ministro Poletti a rimandare l'approvazione di un decreto inefficace, quando non dannoso, e che ridurrebbe presenza sul territorio, organici degli ispettori e capacitÓ di intervento. In un Paese che rischia di morire, e spesso muore, di lavoro nero ed evasione contributiva, di insicurezza e mancato rispetto delle norme, serve altro. Serve uno sforzo maggiore. E soprattutto serve una riforma che coinvolga tutti gli enti interessati e i loro dipendenti che, andrebbe ricordato, sono dei qualificati professionisti", con queste parole Salvatore Chiaramonte, Segretario Nazionale Fp-Cgil, commenta l'esclusione del decreto sull'Agenzia unica ispettiva dall'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri di oggi.

"Se l'obbiettivo del Governo Ŕ quello di rendere il sistema ispettivo pi¨ efficace - aggiunge il sindacalista - siamo disponibili a discutere. PurchÚ si comprenda la complessitÓ della questione e la si affronti senza far pagare come sempre i lavoratori. Donne e uomini indispensabili per uscire dalla situazione di illegalitÓ diffusa che Ŕ una delle principali cause del nostro declino".

"I segnali di questi mesi sono stati sconfortanti, a partire dalla decisione del Governo di cancellare in legge di stabilitÓ le giÓ poche assunzioni di ispettori previste, appena 200. Se c'Ŕ un'inversione di rotta del Governo - conclude Chiaramonte - lo si dimostri con i fatti. Ma la risposta non pu˛ essere un decreto che riduce la presenza dello Stato sul territorio e la sua capacitÓ di far rispettare le regole, che sembra disprezzare diritti e aspirazioni di migliaia di lavoratrici e lavoratori". 
 
 

 (35.22 KB)download comunicato stampa (35.22 KB).
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito