1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

News

Fp Cgil Medici. Sanità. Convenzioni: il nuovo atto di indirizzo è peggio del primo

Comunicato stampa di Di Nicola Preiti
Responsabile nazionale Fp-Cgil Medici medicina convenzionata

 
Roma, 14 aprile 2015

Non è una cosa seria la manfrina infinita del rinnovo delle convenzioni. Il nuovo Atto di indirizzo è peggio del primo, ma dovrebbe portare a una nuova convocazione SISAC (il 23 aprile, pare), nella quale naturalmente non succederà nulla. Ma "tutti" acquisteranno un piccolo benefit da spendere in allucinogeni per gli elettori o per gli iscritti a qualche sindacato. Intanto l'assistenza territoriale ai cittadini degrada, le condizioni lavorative dei medici convenzionati peggiorano, le risorse si sprecano, l'autoreferenzialità delle Regioni frantuma il SSN e consolida le disparità territoriali di assistenza, risorse e servizi.

Nel nuovo Atto non si affronta alcun problema e qualcosa invece si complica: le risorse per le AFT e le UCCP non ci sono e quindi non si faranno, anche perché sono previste dal 2009 e non si sono ancora viste.  Le UCCP sono rinviate in blocco agli accordi regionali e quindi addio all'h24 e ai centri territoriali aperti 7 giorni su 7 di cui millantava il decreto Balduzzi e che fanno bella mostra anche nel Patto della Salute.

E se qualcosa si farà lo dovranno pagare tutti i medici sacrificando i loro incentivi. In cambio c'è l'illusione per alcuni di diventare inutili caporali senza gradi e senza funzione.  Ma con un "gettone" pagato dai propri colleghi.

Il ruolo unico è solo una enunciazione contraddetta, nello stesso Atto,  dal congelamento delle funzioni, dei redditi di ognuno e da una gradualità sine die. L'autonomia organizzativa delle regioni diventa libero arbitrio sulle cure primarie, nonostante l'incombenza della riforma del Titolo V. E - novità assoluta - le regioni non in equilibrio di bilancio sono escluse a priori anche dalla possibilità di fare qualunque investimento riorganizzativo: un bell'alibi alle Regioni e alle aziende più arretrate.

E allora perché continuare con queste sceneggiate nazionali? Meglio affidarsi alla "generosità" diretta delle Regioni, come il Veneto che ha messo a disposizione dei medici di famiglia  oltre  250 milioni in quattro anni (ne dichiarano 100). Distribuiti oculatamente: niente ai medici di guardia medica e poi via via crescendo  in base al numero di assistiti e al ruolo di inutili capetti. Le imminenti elezioni sono certamente una coincidenza!
 



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Risorse per il riordino e per il rinnovo del contratto. Col @silp_cgil, per la Polizia di Stato e Penitenziaria, in… https://t.co/S69M07Rg... 1 ora fa 16/07/2019 15:30 1151121816741646337
  2. ++ Violenze e aggressioni, ancora pochi giorni per il corso Ecm Fad dal valore di 15,6 crediti rivolto a tutte le p… https://t.co/3HS3KZaa... 2 ore fa 16/07/2019 14:04 1151100334498045957
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico