1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

Verso la Conferenza Nazionale sulle droghe e le dipendenze

 
 

Il punto di vista della Funzione Pubblica Cgil


E' opinione largamente diffusa e condivisa come la lotta alla droga, centrata su politiche di criminalizzazione del consumo, frutto di un approccio esclusivamente ideologico, non sia stata in grado di rispondere agli obiettivi prefissati. E di come sia, invece, aumentato l'uso di sostanze, sia illegali che legali (come l'alcool) soprattutto fra i giovani, con comportamenti che non sempre portano alla dipendenza, ma, sicuramente, necessitano di un approccio finalizzato alla prevenzione e al contenimento dei rischi, insieme ad un sistema di cura efficace e differenziato che sia in grado di fornire una pluralità di interventi e terapie.

Sappiamo come, inoltre, siano emerse nuove forme di dipendenze, una per tutte quella da gioco d'azzardo, che attraversano tutte le età e le fasce sociali, ma colpiscono maggiormente i soggetti più deboli, messi ancora più a rischio dalla grave crisi economica di questi anni.

Abbiamo un estremo bisogno di riprendere il dibattito sulla qualità dei servizi, sugli stili operativi, sui modelli organizzativi, sulle risorse destinate ai servizi, sull'integrazione sociosanitaria e sul rapporto fra pubblico e privato sociale, a maggior ragione in vista della Conferenza triennale su droghe e dipendenze, che dovrebbe svolgersi nei primi mesi del prossimo anno.

La FP CGIL ha ritenuto indispensabile costituire il gruppo di lavoro nazionale degli operatori delle dipendenze:   la qualità del lavoro è intrinsecamente legata alla qualità del servizio, il punto di vista degli operatori è indispensabile per mettere a confronto modelli ed esperienze, intervenire sui problemi aperti, valorizzare le buone pratiche.  

La FP CGIL ritiene indispensabile rilanciare i servizi territoriali, attraverso politiche di riduzione del danno finalizzate al benessere delle persone che utilizzano sostanze, ed alla prevenzione dei rischi legati all'abuso: pensiamo che i servizi debbano essere attrezzati per poter intervenire in tutti i contesti in cui si fa uso di sostanze, come i luoghi del divertimento giovanile, e quindi anche per l'analisi delle sostanze, e che debbano essere predisposti luoghi e forme per la somministrazione controllata. La libertà di accesso alle cure, e la pluralità degli interventi ( accoglimento, servizi di strada, disintossicazione, autoaiuto, riduzione del danno, ecc.) sono opportunità che vanno rese disponibili a tutti, rispettando la libertà di scelta e di cura, garantendo il diritto all'accesso ai servizi.

Riteniamo indispensabile la depenalizzazione dell'uso personale.

Pensiamo che vada rafforzata l'integrazione socio sanitaria, per la presa in carico globale e complessiva delle persone e dei loro bisogni (inserimento lavorativo, supporto all'abitare indipendente, ecc.). Vanno inoltre definiti una volta per tutti i LEA, inserendo anche il Gioco d'azzardo patologico, ed i LEPS, dando piena attuazione a quanto previsto dalla L. 328/00. Devono essere garantiti finanziamenti certi e adeguati, sia a garanzia degli interventi già strutturati, che per la stabilizzazione di tutte quelle attività ormai da troppo tempo sperimentali, come unità di strada, drop in, servizi a bassa soglia. Rivendichiamo dotazioni organiche adeguate, a partire dalla stabilizzazione del personale precario, ed adeguata formazione. Chiediamo il coinvolgimento diretto degli utenti nell'organizzazione dei servizi, che devono essere posti in sedi adeguate ed idonee: spesso proprio la collocazione dei servizi contribuisce allo stigma ed alla marginalizzazione delle persone, compresi gli operatori.

Rivendichiamo il rinnovo del contratto, fermo al 2009, come strumento che permette di intervenire concretamente sui temi dell'organizzazione del lavoro, e della valorizzazione delle competenze, per rispondere alle esigenze di utenti ed operatori, all'aumento degli interventi richiesti ed ai mutamenti dei bisogni per una nuova cultura dei diritti di tutti i cittadini.

                                Denise Amerini
              Responsabile del Comparto Dipendenze     



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. RT @FPCGILER: È importante esserci per non dimenticare #stragediBologna #2agosto1980 https://t.co/LB1RN1OJh3... 13 ore fa 02/08/2021 10:17 1422109320590811136
  2. ? ?????? ?????????? ????: ????? ???????????? ? Oggi #29luglio dalle 16 in diretta su https://t.co/dBUZk56pYX c'è… https://t.co/NMqV53aICo... 4 giorni fa 29/07/2021 11:35 1420679238655565826
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico