1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 
Documento unitario su regolamento di distinzione delle funzioni
 

Roma, 6 novembre 2015

Al Ministero della Difesa Ufficio di Gabinetto c.a. dr.ssa Fava
e, p.c. Alla Segreteria del Sottosegretario alla Difesa On.le Rossi

Oggetto: regolamento relativo alle distinzioni delle funzioni tra personale civile e militare.

Con riferimento al tavolo tecnico avviato per la definizione del regolamento relativo alla distinzione delle funzioni tra personale civile e militare, al fine di rendere proficuo e celere il lavoro del tavolo, desideriamo evidenziare alcuni nodi e proposte di merito. In primo luogo, è importante chiarire che qualsiasi proposta deve tenere conto dei diversi ambiti di attività del personale militare, che deve essere impegnato in ruoli operativi e di comando, e di quello civile, che svolge funzioni tecniche e amministrative. In secondo luogo, si ritiene utile per il proseguo dei lavori, ricevere dall'Amministrazione e per tempo una proposta di regolamento con il relativo articolato normativo. Con riferimento alla prima bozza presentata dall'Amministrazione al sindacato il 22 ottobre, si osserva quanto segue: il regolamento deve definire un quadro di riferimento attinente alla diversa natura delle funzioni delle due categorie di personale e deve costituire un punto di riferimento stabile per i prossimi anni. Per tale ragione non si ritiene condivisibile l'impostazione proposta, che invece condiziona la disciplina dell'intera materia alla disponibilità delle risorse umane, legata a fattori del tutto contingenti; la bozza è lacunosa sotto diversi aspetti, in particolare in taluni settori non menziona determinate e rilevanti funzioni (come ad esempio in quello denominato Lavori e Demanio) e, più in generale, non articola le attribuzioni relative al personale appartenente alle aree prima e seconda e, con riferimento alla terza, omette di menzionare diverse funzioni tipiche. A tal proposito si evidenzia quanto segue:
il punto 2 lettera e) del documento specifica che i compiti riguardano il personale civile della difesa, sia dirigenziale che non. Il punto 4 esplicita meglio tali compiti. All'ultima voce (organizzazione e funzionamento area tecnico industriale), i ruoli da esplicare sono ridotti solo al Vice Direttore arsenale e direzione amministrativa. Se si parla di dirigenti, va evidentemente incluso il capo divisione servizi arsenale (DSA). Figura che, anche nell'ultima bozza di riorganizzazione degli Arsenali - peraltro già inserita nel decreto legislativo di prossima pubblicazione - è previsto sia attribuita ad un dirigente civile. Nella bozza, poi, si fa genericamente cenno al personale non dirigenziale, ma non ai funzionari. Per cui vanno aggiunti gli incarichi di funzionari terza area ( capo servizio, capo sezione ) come già definito negli accordi nazionali e territoriali nell'ambito della riorganizzazione degli arsenali della Marina e degli Enti dell'Area Industriale dell'Esercito. Indicazioni che vanno naturalmente estese e riferite anche, ai Centri tecnici, enti che non ricadono nell'area tecnico industriale ma che vedono impegnati in funzioni tecniche di studio, analisi, ricerca, collaudo, manutenzione, prevalentemente personale civile. È necessario, inoltre, prevedere il riconoscimento del ruolo tecnico ai tecnici civili.
Gli Enti hanno bisogno di personale civile specializzato che ricopra incarichi per lunga durata, che valorizzi la competenza posseduta e l'esperienza professionale maturata. nell'ambito dell'area amministrativa è necessario elencare le funzioni relative a contabilità e bilanci (gestione finanziaria e patrimoniale), attività contrattuali e appalti, formazione del personale (su cui la Difesa deve continuare ad avere autonomia); informazione e relazioni esterne, servizio prevenzione e protezione; con riferimento agli ospedali militari e ai poliambulatori, nati dalla soppressione di alcuni dipartimenti militari di medicina legale, il core business sono i servizi di medicina, sanitari, tecnici e di assistenza, anche qui deve essere il personale civile a svolgere le relative attività; relativamente agli uffici documentali, inseriti all'interno delle unità organizzative dei comandi militari dell'Esercito (Cme), che hanno funzioni esclusivamente burocratico-amministrative, è necessario disciplinare le competenze dei lavoratori civili della Difesa. come sopra ricordato, inoltre, vanno definite le funzioni del personale di seconda e prima area, particolarmente rilevanti nelle attività relative ai servizi di portineria e vigilanza, alla manutenzione delle strutture, alla segreteria.

 FP CGIL                   CISL FP                   UIL PA
 Francesco Quinti      Paolo Bonomo       Sandro Colombi

 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico