1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
 

News

 
Sbloccati finalmente i passaggi orizzontali
 
 

Dopo una lunga giornata di trattative ieri siamo giunti al sospirato accordo sui passaggi orizzontali.
L'accordo che vi alleghiamo in copia comprende anche i posti disponibili nelle varie regioni e una clausola di scorrimento in caso di posti mancanti. Il fatto positivo è che l'Amministrazione ha abbandonato la posizione antistorica che voleva mantenere una riserva di posti per l'esterno e questo consente, ad eccezione di tre Regioni (Campania, Lazio e Toscana), il passaggio del 100% del personale. Nelle Regioni ove è presente una ridondanza di domande rispetto ai posti disponibili i lavoratori avranno la possibilità di scorrimento progressivo sulla base dei criteri individuati nell'accordo, ovvero l'anzianità di domanda e la certificazione del periodo complessivo di svolgimento delle mansioni sulla base del peso percentuale assegnato a ciascun criterio. L'accordo è positivo perché,  oltre a corrispondere a legittime quanto antiche aspettative del personale,  ci consente di affrontare e chiudere la partita della mobilità volontaria, delicatissima in rapporto alla necessità di  chiudere questa fase caotica e ingovernabile che stiamo vivendo. La prossima settimana abbiamo la nuova convocazione, dove affronteremo e speriamo di chiudere sia l'accordo sulla mobilità volontaria che la questione del rinnovo della rappresentanza del personale nel Consiglio Superiore.
Con la chiusura delle emergenze post riforma potremo peraltro tornare a discutere delle questioni più strettamente legate alla contrattazione integrativa,  a partire da un nuovo accordo sulle progressioni economiche. Sempre ieri il DG Musei ci ha illustrato una informativa relativa alla vicenda oscura della nomina dei funzionari direttori. Che per noi, malgrado gli sforzi lodevoli del Dr. Soragni, rimane tale. Per quello che ci riguarda abbiamo ribadito la necessità che tale processo, ancora monco in considerazione del fatto che almeno il 30% delle direzioni non è stato assegnato,  venga messo in piena trasparenza e al riguardo non aiuta certo il diniego di accesso agli atti che abbiamo registrato in una comunicazione ai Poli Regionali a firma dello stesso dr. Soragni. 
Al riguardo il problema non è,  a nostro avviso, l'applicazione della legge 241/90, ma il diritto di informazione alle parti sindacali sulle procedure seguite. Noi ribadiamo che la modalità selettiva e la natura pubblica degli atti non incidono sui dati sensibili, in quanto atti pubblici e le nostre richieste sono indirizzate a conoscere i criteri di valutazione e di scelta adottati dai Direttori dei Poli Regionali e le corrispondenti scelte adottate dalla Direzione Generale, non certo le storie personali dei candidati. 
 Sulla questione comunque ritorneremo con un approfondimento non appena la DG Musei ci farà avere la relazione che ha illustrato ieri, come si è impegnato a fare lo stesso Direttore Generale. In allegato il protocollo di intesa sottoscritto ieri, mancante purtroppo dell'allegato con i posti disponibili in ciascuna regione,  che ancora non ci è pervenuto dall'Amministrazione e che vi invieremo non appena disponibile.    
Roma, 19 novembre 2015 

 Claudio Meloni
 FP CGIL Nazionale    

 
 
 
 

Integrazione



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico