1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

News

MEF - Ragionerie territoriali: rischio caos


Roma 15 febbraio 2016    
                                                                             
Abbiamo finalmente ricevuto l'informativa "ufficiale" relativa alla "Individuazione delle Ragionerie territoriali dello Stato e definizione dei relativi compiti. Prime indicazioni attuative".

Prima di entrare nel merito della circolare,  riteniamo utile invitare   l'Amministrazione a  vigilare e controllare che il flusso delle comunicazioni tra Amministrazione e OO.SS segua i canali ordinari, consentendo alle informazioni di raggiungere contemporaneamente  tutte le OO.SS,   al fine di  evitare che materie   che rivestono primaria importanza per il funzionamento del Ministero,  siano  utilizzate da qualche "007 in sevizio permanente"  per fini che non   hanno  niente a che vedere  né con  la tutela dei lavoratori né con il miglioramento degli uffici operativi.

Con la circolare in esame, forse è arrivato il momento, tanto atteso e tanto temuto, della nascita delle Ragionerie 2.0   Da una prima lettura della bozza inviataci, si evince  che è in atto uno svuotamento delle competenze e delle mansioni delle vecchie RTS, che chiameremo Provinciali, e un contestuale aumento dei compiti svolti da quelle che potremo chiamare RTS Regionali. Possiamo  ipotizzare  che sia un primo passo verso un'ulteriore riduzione degli uffici sul territorio,  oppure che il Ministero inizi ad utilizzare modelli organizzativi flessibili, che tutelino i dipendenti da inutili quanto costosi trasferimenti?

Un  punto  che necessita ulteriori   approfondimenti   riguarda  il passaggio  di funzioni dalle Ragionerie  Provinciali a quelle Regionali, che di fatto si prefigura come un duplicato delle lavorazioni , visto ad esempio, che la figura del consegnatario diventa regionale, ma al tempo stesso è prevista l'istituzione di un sub consegnatario provinciale che, di fatto, gestirà i beni che prima aveva in carico come RTS provinciale e ora li gestirà su mandato della RTS regionale.

Il rischio è che questa riorganizzazione peggiori  il funzionamento delle RTS, in particolare quelle con sede nel capoluogo di Regione, che  si vedranno assegnare  funzioni precedentemente di competenza  di tutte le altre  RTS. Considerato  che tutte le Ragionerie sono carenti di personale per  il permanere del blocco delle assunzioni e per il continuo  taglio degli organici, non vorremmo che qualcuno ipotizzasse, visto che  le attuali dotazioni organiche sono  regionali e non più di singolo ufficio, di  spostare il personale da un ufficio all'altro a seconda delle necessità regionali.

Alla luce di queste prime osservazioni, riteniamo necessario  un confronto con l'Amministrazione,  a partire dalla prossima riunione del 17 febbraio,  al fine di trovare quel giusto equilibrio
tra le esigenze dei lavoratori e quelle dell'utenza e  dell'Amministrazione.  

CGIL FP Nazionale 
Luciano Boldorini

 


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico