1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

News

Mibact: Comunicati su rispetto delle regole e progressioni economiche


IL RISPETTO DELLE REGOLE     


Da un po' di tempo stiamo assistendo al verificarsi di situazioni di mancato rispetto delle relazioni sindacali ai vari livelli, in particolare nei settori delicati dei musei e, ancora più nello specifico, nei musei autonomi, un settore che non a caso detta le linee strategiche all'intero ministero. E questo settore sta diventando terreno di regolamenti di conti con il sindacato e nei cosiddetti Direttori manager dei musei autonomi sembra stia prevalendo l'idea che le relazioni sindacali siano solo un intralcio, quasi fossero chiamati a fare gli amministratori delegati con i soldi di Pantalone e non i dirigenti pubblici dello Stato. Alcuni esempi: la DG Musei che si è attribuita autonomamente il diritto di intervenire in una diatriba locale attizzata da sigle sindacali  minoritarie che non hanno accettato un accordo sottoscritto dalle sigle più rappresentative. Diritto che non gli viene attribuito da nessun accordo in materia e che invece viene esercitato addirittura imponendo la sospensione di atti attuativi dell'accordo stesso. O quanto scandalosamente sta avvenendo a galleria Borghese, dove la Direttrice ha aperto per prolungamenti di orario serale non concordati ed in assenza di misure di sicurezza. Arrivando ad aprire la sera del 30 dicembre scorso solo con volontari in una situazione di massima allerta antiterrorismo addirittura annunciata dal Ministro dell'Interno in persona e del tutto ignorata dalla Direttrice che ha aperto a 360 persone con tre volontari tre. O quanto sta avvenendo al Museo Archeologico Nazionale di Napoli dove il Direttore, che si permette di definire pubblicamente come feudale il nostro sistema di relazioni sindacali, cambia profilo motu proprio a 17 dipendenti sulla scorta di una interpretazione capziosa di una sentenza per demansionamento e non si adegua nemmeno alle indicazioni che provengono dal centro nazionale. E con situazioni di conflitto interno che si vanno via via acuendo alla GNAM, alla Galleria Estense di Modena per non parlare di Mantova e via dicendo. Insomma sta prevalendo in noi la curiosa sensazione che il tavolo nazionale viene utilizzato per acquietare i sindacati riottosi mentre sul territorio si lasciano mani libere a dirigenti in vena di atteggiamenti padronali. Non ci siamo. Il rispetto delle regole che noi ci siamo dati è condizione imprescindibile per mantenere il confronto su livelli accettabili, se qualcuno pensa che noi ci mettiamo la faccia su una riforma che non esitiamo a definire disastrosa nei suoi effetti si sbaglia di grosso. Pertanto ci permettiamo un avviso pubblico: o si mette a regime un sistema di governance dell'organizzazione in grado di uniformare i comportamenti alle regole ed agli accordi sottoscritti a livello nazionale oppure noi ritireremo le designazioni che abbiamo fatto sui tavoli tecnici e riporteremo tutte le questioni al tavolo politico. Per quello che ci riguarda valuteremo con attenzione le iniziative che l'amministrazione intraprenderà al riguardo e sia chiaro che su questo non ci sono ne sconti ne saldi.  
Addio alle Soprintendenze speciali?
Lunedì siamo convocati al tavolo nazionale per una informativa circa l'applicazione del comma 432 della legge di stabilità, ovvero la nuova normetta blitz che interviene ancora una volta sulla struttura del Ministero questa volta mettendo nel mirino le Soprintendenze speciali di Roma e Pompei. La norma dà 30 giorni di tempo alla sua attuazione e così ci avviamo tristemente alla perdita sicura della Soprintendenza romana, che verrà sostituita dall'ennesimo museo autonomo e non sappiamo ancora cosa succederà a Pompei. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un processo riformatore che va avanti a strappi, con decisioni normative infilate nella legge di stabilità, senza alcun dibattito che coinvolga gli addetti ai lavori. Si chiude così una epopea gloriosa per la tutela e la valorizzazione di un patrimonio culturale dal valore inestimabile, in nome di un progetto che non sta producendo altro che un enorme caos organizzativo. Lunedì è convocato anche il Consiglio Superiore, ma certo non ci attendiamo molto da un organo ormai diventato un orpello nella mani del Ministro, con un Presidente che non manca ogni occasioni per illustrare le magnifiche sorti progressive di una riforma sbagliata e inconcludente e per attaccare i lavoratori "fannulloni" del Ministero. Ma questi sono i tempi e occorre mantenere nervi saldi e speranza per il futuro: raccoglieremo le macerie ma ci saremo.     

FP CGIL Nazionale MIBACT
Claudio Meloni    
                 

 
 

 


Progressioni economiche: istruzioni per l'uso

     
La pubblicazione delle graduatorie economiche ha, come era prevedibile sollevato polemiche e recriminazioni tra i lavoratori. La prevedibilità è data dal numero, relativamente esiguo, delle stesse: solo 1 lavoratore su 4 che hanno fatto domanda ha avuto la progressione e questo naturalmente ha accentuato lo scontento degli esclusi. Per questo riteniamo utile ricordare che nel dicembre 2015 noi avevamo avanzato la proposta di chiudere tutto il processo in un anno e non sulla base di un accordo triennale che, ricordiamo prevede allo stato 12050 progressioni entro il 2018. Lo ricordiamo a tutti, in primis a chi non ha condiviso la nostra proposta di allora, perché certo gli effetti di un numero maggiore sarebbero stati diversi nell'impatto tra i lavoratori. Detto questo vogliamo rassicurare, per quanto possibile, i lavoratori: il processo va avanti anche nel 2017 e nel 2018 con alcune precisazioni che sono doverose: per completare il processo su 12.050 progressioni occorrono 12 milioni di euro circa del FUA. il che comporta necessariamente il reperimento di risorse certe e tale operazione inevitabilmente intaccherà l'attuale ripartizione del fondo, in particolare quella prevista per i progetti nazionali. Questo a meno che il Ministro non sia in grado di portare risorse fresche, come ha paventato nell'incontro del 30 agosto scorso. Ma noi siamo abituati a fare i conti su quello che è disponibile e sempre per rimanere al pallottoliere sarebbero necessari circa 18 milioni di euro per chiudere per tutti i lavoratori il processo nel 2018. Quindi con l'obiettivo di arrivare nel 2018 a coprire tutto il personale del Ministero. Noi riteniamo questa operazione fattibile sulla scorta di valutazioni contabili: i progetti nazionali possono essere rimodulati attingendo alle risorse della valorizzazione che quest'anno avranno un incremento di 5 milioni di euro e devono essere rimodulati in quanto l'apertura a 11 ore non può essere garantita in tutti gli uffici del Ministero e già si registrano numerose incursioni degli occhiuti organi di controllo che in qualche caso non hanno assentito addirittura nemmeno al pagamento delle turnazioni ritenendole, a torto, esclusivamente funzionali alle aperture di 11 ore ed in qualche altro addirittura sono arrivati a chiedere la restituzione delle somme erogate ai lavoratori. Questa situazione pone inevitabilmente la necessità di rivedere i progetti nazionali, assicurando a tutti la partecipazione ai nuovi progetti e tenendo conto della necessità di attingere a parte delle risorse per finanziare l'intero processo delle progressioni economiche. Tutto questo al netto delle eventuali nuove risorse recuperabili sia attraverso auspicabili incrementi del FUA (dal nuovo CCNL e in riferimento agli impegni del Ministro), che tramite il recupero delle somme spese negli anni precedenti per le riqualificazioni a seguito del pensionamento del personale che ne ha beneficiato Questa proposta la anticipiamo pubblicamente per la discussione tra i lavoratori e la porteremo al confronto con l'Amministrazione ed i colleghi delle altre sigle sindacali. Per quanto riguarda il processo 2016 ci preme sottolineare due aspetti: il primo è la necessità imprescindibile di garantire trasparenza al processo. da questo punto di vista la pubblicazione delle graduatorie per elenchi non aiuta certo: i lavoratori hanno diritto di conoscere la posizione in una graduatoria, indipendentemente dal fatto che siano stati valutati o meno. Così come i lavoratori hanno diritto ad avere spiegazioni formali rispetto alla specifica posizione, Quindi la Commissione e l'Amministrazione hanno l'obbligo di dare i chiarimenti richiesti. E, a nostro avviso, sarebbe quanto mai salutare una pubblicazione integrale della graduatoria: un obbligo di trasparenza a cui non riteniamo sia rispettoso sottrarsi. Sapendo perfettamente che la graduatoria si esaurisce con i vincitori e non è possibile un suo scorrimento  in quanto esplicitamente vietato dagli organi di controllo. Il secondo aspetto che ci preme segnalare è la necessità di controlli capillari su tutto il personale rientrante tra i vincitori. Il tempo c'è per poterlo fare e anche in questo caso va garantita trasparenza e  la corretta applicazione dei criteri concordati. Ricordiamo al riguardo che i nostri uffici legali sul territorio sono a disposizione dei nostri iscritti per valutare ogni situazione che si ritenga illegittima e al riguardo invitiamo tutte le nostre strutture territoriali a garantire adeguata assistenza legale ai lavoratori che la dovessero richiedere. Considerata l'impossibilità di avere uno scorrimento di queste graduatorie, le progressioni 2017 dovranno avere un nuovo accordo che si dovrà concludere entro il mese di dicembre prossimo. Sarà questa l'occasione per verificare la funzionalità dei criteri scelti nel 2016 e, nel caso, apportare opportune modifiche. Da questo punto di vista siamo disponibili ad ogni utile suggerimento precisando solo che il criterio della formazione è un criterio ineliminabile, sia perché previsto dal CCNL sia perché l'altro criterio imposto dagli organi di controllo e presente nella maggior parte degli accordi in materia sottoscritti negli altri ministeri è la valutazione individuale fatta dal dirigente. Si può immaginare di reinserire i titoli di servizio, e noi siamo disponibili a valutarlo, e di resettare meglio il criterio della formazione. Su questo avvieremo il dibattito e il confronto tra di noi e con gli altri interlocutori.    

FP CGIL Nazionale MIBACT
Claudio Meloni  
                    



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico