1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina
News
Comunicato unitario

RIPRENDE IL CONFRONTO

Riprende, a distanza di circa un mese dall'ultimo incontro con l'Amministrazione ed alla presenza del Presidente e del Direttore Generale, il confronto con la Delegazione di parte datoriale sui temiche CGIL CISL e UIL avevano da tempo posto all'attenzione dell'Istituto (vedi nostro comunicato dello scorso 8 giugno).
In apertura di riunione abbiamo sottoscritto la nuova versione dell'ipotesi di CCNI 2017 per il personale delle aree A, B e C:  il nuovo testo recupera, alla luce delle novità introdotte dal legislatore con l'articolo 23 del Decreto Legislativo n.75 del 25 maggio 2017, in tema di definizione dell'ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale nelle pubbliche amministrazioni,oltre 6 milioni di euro rispetto alla quantificazione operata il 21dicembre 2016, data della sottoscrizione della prima ipotesi.
Sul tema delle politiche assunzionali dell'Istituto, uno degli argomenti all'ordine del giorno,  abbiamo ribadito ai vertici dell'INPS la necessità non solo di immettere nuovo personale nei ruoli dell'Amministrazione, utilizzandole procedure concorsuali già definite ed avviando nuove selezioni così come ci era stato già annunciato (numeri insufficienti alla luce delle carenze di organico attuali e delle proiezioni che gli uffici fanno del fabbisogno al 2020 quando vi sarà in assenza di interventi robusti una carenza di 6.232 dipendenti in rapporto ad un fabbisogno stimato di 31.740 unità),ma di riservare anche al personale internola possibilità di accedere all'area superiore così come previsto dalla normativa vigente.  A tale riguardo la Delegazione di parte datoriale ci ha confermato che i contenuti del futuro bando per le nuove assunzioni non sono ancora definiti e che prima di determinare l'atto formale vi sarà un confronto con le Organizzazioni Sindacali.
Altro argomento affrontato è stato quellodell'articolazione territoriale dell'Istituto,  un tema rispetto al quale sono forti le sollecitazioni da parte dei territori in  assenza,a tutt'oggi, di un disegno complessivo e coerente con una visione del futuro dell'INPS rispetto al qualemanca ancora una rappresentazione condivisa all'interno della tecnostruttura e con l'Organo di indirizzo politico dell'Ente:  la nostrapreoccupazione, e lo abbiamo ribadito a più riprese anche in passato,  è che l'INPS non arretri rispetto al territorio  assicurando una presenza, e la crisi economica dell'ultimo decennio lo dimostra, che rappresenta un presidio a sostegno delle fasce più deboli della nostra popolazione.

Un'altro tema discusso è stato quellodelle procedure informatiche la cui lentezza  (ieri è intervenuto anche un blocco generale sulla rete che oggi persiste ancora soprattutto sulle procedure della ex gestione pubblica)sta creando da tempo problemi  non solo nelle sedi nei rapporti con l'utenza, la cui esasperazione viene riversata sui colleghi allo sportello, ma anche nei servizi interni dell'Amministrazione. Anche qui il nodo è sempre quellodelpersonale informatico che manca (età media degli informatici è oggi prossima ai 60 anni!) e delle  risorse economiche venute menoper effetto della contrazione delle spese di funzionamento imposte dal legislatore esbandierate  purtroppo all'esternocome contributo INPS alla riduzione del debito pubblico (quei risparmi, al contrario, dovrebbero essere reinvestiti all'interno per migliorare i servizi ed assumere nuovo personale).
Nel corso della discussione è stato dibattuto anche l'argomento della sicurezza nelle sedi alla luce delle aggressioni avvenute nelle ultime settimane nei confronti dei colleghi: al di là di forme di vigilanza remota che faccia da deterrenza rispetto all'esterno,abbiamo richiamato l'esigenza che anche nelle agenzie territoriali,  così come previsto nei contratti a suo tempo stipulati con le imprese aggiudicatrici delle gare bandite,sia assicurata la presenza dei vigilantes armati  e che, in generale,  il rischio aggressione sia inserito nel D.V.R.  (documentodi valutazione dei rischi)delle sedi.
Sugli altri temi,  problematica del funzionari amministrativi addetti al contenzioso dell'invalidità civile, disciplina dei cambi di profilo, selezione dei docenti esperti di materia e vigilanza,sono stati calendarizzati,  a partire dalla prossima settimana,una serie di incontri che proseguiranno anche nel corso del mese di agosto.
Roma, 21 luglio 2017

FP CGIL/INPS
Matteo Ariano

CISL FP/INPS
Paolo SCILINGUO

UIL PA/INPS
Sergio CERVO



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico