1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Contenuto della pagina

Quesiti

Le voci decurtabili nei primi 10 giorni di malattia

Quesito
Come medico ospedaliero con oltre 30 anni di anzianità, mi piacerebbe conoscere in modo preciso, almeno secondo la vostra interpretazione , quali sono una per una le voci trattenute e quelle non trattenute nei primi 10 giorni di malattia.

Risposta
La circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 7/2008 del 17 luglio 2008 - pubblicata nella G.U. n. 209 del 6/9/2008, inviata alle Amministrazioni Pubbliche di tutti i Comparti del Pubblico Impiego - al punto 1 esplicita con chiarezza le modalità per l'individuazione delle voci stipendiali, in quanto trattamento cui far riferimento per la trattenuta nei primi 10 giorni di malattia, ai sensi del DL 112/08, convertito in Legge 133/08.

In particolare, prevede nei primi 10 giorni di ciascun singolo periodo di malattia la corresponsione del "trattamento economico fondamentale con esclusione d'ogni indennità o emolumento, comunque denominati, aventi carattere fisso e continuativo, nonché di ogni altro trattamento economico accessorio"

"Per la qualificazione delle voci retributive, le amministrazioni dovranno comunque far riferimento alle eventuali definizioni fornite dai CCNL per ciascun comparto o area di riferimento (art. 45 del D. Lgs n. 165/2001: "Il trattamento economico fondamentale ed accessorio è definito dai contratti collettivi")".

Per l'area della dirigenza medico-veterinaria si deve fare riferimento all'art. 33 del CCNL 2002-2005, - area medica e veterinaria, biennio economico 2002-2003 - Struttura della retribuzione dei dirigenti.

Si pubblica, pertanto, una tabella esemplificativa delle voci stipendiali decurtabili nei primi 10 giorni di malattia (ripetibili nell'anno !!), nelle quali riteniamo non vada ricompresa l'indennità di esclusività, in quanto elemento distinto della retribuzione, che non viene calcolato al fine della determinazione del monte salari cui fanno riferimento gli incrementi contrattuali.

L'indennità di esclusività nasce infatti da fonte normativa (art. 15-Quater del D.Lgs 502/92), e il suo finanziamento è stato previsto dalle Leggi Finanziarie (662/96, 448/98 e 488/99), con finalità non attinenti agli aspetti produttivi/professionali dei dirigenti sanitari del SSN, ma alla libera scelta dell'esclusività o meno del rapporto di lavoro.

Qualora tale indennità dovesse essere assoggetta alla trattenuta di cui all'oggetto, ne deriverebbe, a parità di assenza per malattia, una forte penalizzazione nei confronti dei dirigenti sanitari in costanza di rapporto di lavoro esclusivo di rapporto, rispetto a quelli che operano in costanza di rapporto non esclusivo.

In caso di decurtazione anche della indennità di esclusività ci si può rivolgere al rappresentante aziendale della FPCGIL Medici, per inoltrare una formale diffida. 
 

VOCE STIPENDIALE
DIRIGENTE STRUTTURA COMPLESSA
DIRIGENTE STRUTTURA SEMPLICE
DIRIGENTE PROFESS.LE
 
Trattenuta
Trattenuta
Trattenuta
Stipendio Tabellare
NO
NO
NO
Ria, ove acquisita
NO
NO
NO
Assegno personale
NO
-
-
ISM
NO
NO
NO
Retribuzione di posizione minima unificata
NO
NO
NO
Indennità di esclusività di rapporto
NO
NO
NO
Assegno per il nucleo famigliare, ove spettante
NO
NO
NO
Retribuzione di posizione, parte variabile aziendale, ove attribuita
SI
SI
SI
Retribuzione di risultato
SI
SI
SI
Retribuzione per particolari situazioni di lavoro, ove spettante
SI
SI
SI
Indennità di incarico si struttura complessa
SI
SI
SI
Specifico trattamento economico
SI
-
-


  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. Ora serve uno scatto per il rinnovo del contratto di dirigenti e professionisti delle Funzioni Centrali. Facciamo… https://t.co/mVUy25tnQ... 3 ore fa 29/07/2019 15:39 1155835240528695296
  2. RT @FpCgilVVF: Traditi, per i Vigili del Fuoco dal governo solo bluff! La nostra denuncia in un articolo di @repubblica ➡️ https://t.co... ieri 28/07/2019 12:45 1155429183239217157
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico